14:45 24 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
110
Seguici su

Alle procure di Pesaro ed Urbino sono circa 20 le segnalazioni delle famiglie delle vittime da Covid riguardo alle carenze nella assistenza sanitaria.

Le famiglie ed i parenti delle vittime Covid delle Marche non si rassegnano e presentano esposti in procura a Urbino e Pesaro per una mancata assistenza o una non adeguata cura dei loro congiunti.

Nel mirino delle denunce sono i medici, gli ospedali, le case di cura, le rsa, tutti i luoghi in cui i propri famigliari potrebbero essersi infettati.

In numerosi esposti è stato fatto riferimento alle parole del primario di neurochirurgia di Pesaro Letterio Morabito che lo scorso 12 aprile aveva dichiarato al giornale Il Carlino LINK il dramma dei medici sulla scelta di chi sottoporre all'uso di respiratori.

"Io posso testimoniare perché sono stato in contatto con i colleghi che erano in prima linea. C’è stato un senso di impotenza per aver dovuto, nelle prime due settimane di epidemia, scegliere quali persone far vivere e quali no. [...] Nessun paziente a casa ha avuto la gestione che meritava e quando arrivavano in ospedale erano gravissimi. Il numero verde, il tampone a casa, la radiografia gestita dal medico di famiglia sono stati solo annunci. E’ stata una tragedia" aveva dichiarato al tempo Morabito accusando i vertici sanitari per la gestione dei malati.

La risposta della Regione al tempo dei fatti

"E’ falso e molto grave nei confronti dei cittadini affermare che la sanità marchigiana scelga quali persone far vivere e quali no. Al contrario, la sanità marchigiana si impegna per garantire tutti i cittadini, con una assistenza qualificata anche in una emergenza straordinaria come quella che stiamo affrontando" aveva risposto la dirigente del servizio sanità della Regione Lucia di Furia.

A luglio i rappresentanti del comitato "Noi Denunceremo - verità e giustizia per le vittime di Covid-19" hanno pubblicato una lettera aperta alla presidentessa della Commissione Europea Ursula Von der Leyen per chiedere di vigilare sulle indagini in corso in Lombardia in particolare nelle province di Bergamo e Brescia per accertare eventuali responsabilità per la diffusione del coronavirus.

Covid, situazione nella Marche

Dall'inizio della pandemia le Marche hanno registrato un totale di 8.712 casi Covid, con 6.325 guariti e 992 vittime. Nella giornata di oggi l'aumento è stato di 82 unità. La Regione si trova all'undicesimo posto come numero di contagi e nuovi casi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook