13:29 31 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
360
Seguici su

Le indagini hanno permesso di individuare oltre 20 casi accertati di estorsione ai danni di commercianti del Borgo Vecchio.

A Palermo 20 persone sono finite in manette tra boss, gregari ed esattori delle cosche del capoluogo siciliano, venendo accusate a vario titolo di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, ai furti e alla ricettazione, tentato omicidio aggravato, estorsioni e danneggiamenti. Lo rende noto il Giornale di Sicilia.

Il colpo da parte dell'Arma dei Carabinieri lo hanno reso possibile i commercianti del Borgo Vecchio, che si sono ribellati all'imposizione del pizzo e, dopo innumerevoli anni di silenzio, si sono decisi a denunciare gli estortori.

A coordinare l'indagine del Nucleo Investigativo di Palermo riguardante il mandamento mafioso di Porta Nuova e, in particolare sulla famiglia di Borgo Vecchio e il boss Angelo Monti, è stato un gruppo di sostituti diretti dal Procuratore aggiunto Salvatore De Luca.

Gli inquirenti sono riusciti ad accertare oltre 20 estorsioni, con 5 casi in cui i commercianti hanno ammesso di aver pagato in seguito alla convocazione da parte delle forze dell'ordine.

 

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook