14:31 31 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
12292
Seguici su

Linea dura del Viminale per far rispettare le regole anti-contagio nei sit-in in programma oggi nella Capitale: previste multe e scioglimento delle manifestazioni se i partecipanti si rifiutassero di indossare la mascherina.

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, è stata chiara: gli “atteggiamenti che possono mettere a rischio la salute pubblica” non saranno tollerati. Per questo, i manifestanti che oggi, in piazza della Bocca della Verità e in piazza San Giovanni a Roma, sceglieranno di non indosseranno la mascherina, potrebbero essere sanzionati e dispersi dalle forze dell’ordine.

Il contenuto della circolare diramata dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, ai prefetti e ai questori, citata dall’Ansa, non lascia spazio ad interpretazioni. Se i partecipanti alle manifestazioni in programma oggi nella Capitale non rispettassero le regole del distanziamento sociale e il nuovo obbligo di coprire naso e bocca anche all’aperto, gli agenti saranno costretti ad intervenire con lo scioglimento dei sit-in. Le multe, inoltre, possono arrivare fino a mille euro.

Un centinaio di persone scenderanno in piazza, alla Bocca della Verità, per manifestare contro la “dittatura sanitaria”, mentre per il primo pomeriggio sono attesi oltre 3mila partecipanti alla “Marcia della Liberazione”, in piazza San Giovanni, per chiedere “lavoro, reddito, democrazia, sovranità”.

“È falso che siamo ‘negazionisti’, dato che non neghiamo affatto l’esistenza del virus, mentre ne denunciamo invece il suo utilizzo politico, a partire da quello ‘stato d’emergenza’ che si vorrebbe prorogare all’infinito, anche per mettere in secondo piano l’emergenza sociale provocata dalle scelte del governo”, si legge in una nota del comitato organizzatore di quest’ultima manifestazione, alla quale hanno aderito decine di associazioni e personaggi pubblici, come il filosofo Diego Fusaro, l’attore Enrico Montesano e Rosita Celentano.

“È proprio di questa emergenza – dalla disoccupazione alla perdita del reddito; dalla crescita della povertà, alle prospettive buie della piccola impresa, fino al dramma in cui è stata gettata la scuola – che parleremo domani”, prosegue la nota. “Contrariamente ad alcune voci messe in circolazione, la manifestazione è stata regolarmente autorizzata dalla Questura”, precisano ancora gli organizzatori, denunciando “l’enorme pressione politico-mediatica, messa in campo per impedirci di manifestare”.

In piazza San Giovanni, infine, ci saranno anche decine di vigili urbani. Lo ha fatto sapere nei giorni scorsi il Coordinamento Romano dell’Ugl Polizia Locale. "Pur senza sottovalutare, né minimizzare la pericolosità di una forma influenzale particolarmente aggressiva, riteniamo però come la stessa non possa, né debba essere gestita con continue reiterate quotidiane rinunce ai diritti di libertà della persona e dei lavoratori o, ancor peggio, con l'introduzione di nuove regole difficilmente comprensibili a suon di pesanti sanzioni”, hanno dichiarato il coordinatore romano della stessa organizzazione sindacale, Marco Milani, e il segretario provinciale, Sergio Fabrizi, annunciando la presenza alla manifestazione di rappresentanti della categoria.

Correlati:

Gabrielli ai no-mask: o indossate la mascherina o scioglieremo il corteo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook