12:42 30 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
224
Seguici su

Il Presidente della Regione Campania in una lunga diretta sui social dice la sua sulla partita non disputata e attacca il presidente della squadra bianconera Andrea Agnelli: "Se io mi fossi comportato così, sentirei di aver perduto il mio onore sportivo". Le reazioni dei social non tardano ad arrivare.

Anche Vincenzo De Luca è intervenuto in merito alla partita tra Juventus e Napoli che non si è disputata lo scorso 4 ottobre, dopo che i partenopei hanno deciso di non partire in seguito allo stop da parte dell'Asl Napoli 1 Nord.

Giusta la decisione secondo il Presidente della Regione Campania, perché per i calciatori valgono le stesse regole di tutti i cittadini. 

"I giocatori, sul piano sanitario, sono sottoposto alle stesse regole dei cittadini italiani", ha detto De Luca, per cui il protocollo della Federcalcio a cui si è richiamata la Juventus perde di efficacia rispetto alle disposizioni relative ai positivi del Ministero della Salute e della regione.

A proposito di Juventus, frecciata al presidente Andrea Agnelli.

"Il presidente della Juve è un uomo appassionato, oltre che di pallone, anche di filosofia e mi permetto di ricordargli Schopenauer: 'La gloria bisogna conquistarla, l’onore basta non perderlo'. Se io mi fossi comportato così, sentirei di aver perduto il mio onore sportivo. Come ci si può ridurre alla meschinità di pretendere di vincere un incontro con gli antagonisti messi in quarantena da un'ASL? Capisco che il mondo del calcio coinvolge grandi interessi, ma ci deve essere un limite oltre il quale lo sport non è più sport. Chi non ha lealtà e onore non può parlare di valori sportivi", la critica di De Luca.

Come suo solito, l'esponente del PD ha mescolato le sue stilettate a commenti più ironici. 

"Non sono neanche arrivati i ringraziamenti che dovevano essere rivolti al Napoli e alle ASL. Abbiamo evitato di contagiare Cristiano Ronaldo. C'è stato il caso del Genoa, avesse fatto lo stesso il Napoli… Allegria, tutti positivi! E dopo una settimana, con Ronaldo positivo, avremmo conquistato i titoli del 'New York Times'", ha commentato sarcastico.

Le dichiarazioni di De Luca hanno fatto presto il giro del web e il suo cognome è diventato presto un hashtag di tendenza. Soprattutto presso gli utenti juventini, che come c'era da aspettarsi non hanno gradito le sue parole.

C'è intanto chi critica De Luca per aver creato un precedente che potrà rivelarsi spinoso.

​Altri tirano fuori vecchie ruggini.

​C'è chi ritiene le dichiarazioni del Presidente della Regione Campania solo un modo per sviare le attenzioni da quanto succede nell'area di sua competenza.

​Altri vedono l'uscita come un pegno da pagare per l'endorsement fattogli da De Laurentiis...

​... che insieme a lui formerebbe il duo del gatto e della volpe di collodiana (e 'bennatiana') memoria.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook