12:23 21 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
214
Seguici su

Sindaci e governatori regionali adottano misure anticontagio per frenare la diffusione del virus, dopo l'aumento degli ultimi giorni. Sileri: "Avanzata numeri contenuta".

È stato riattivato il comitato operativo dell Protezione Civile che ha affrontato i primi mesi dell’emergenza Covid. Giù questa mattina si è svolta la prima videoconferenza a cui hanno preso parte il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, il Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, tecnici e assessori in rappresentanza delle varie regioni. 

Durante la riunione è stato fatto il punto sulla situazione dell'epidemia in Italia, in particolare sulla pressione sulle strutture sanitarie e gli approvvigionamenti.

Al tavolo non sarebbero emerse particolari criticità. La prossima riunione si terrà questo venerdì per discutere sull'andamento dell'epidemia con l'incognita della riapertura delle scuole e la comparsa di casi anche fra i banchi del parlamento, che minaccia lo svolgimento del'attività delle commissioni.

Contagi in aumento

La Campania impone nuove restrizioni per frenare la diffusione dei contagi, in rapido aumento. Un'ordinanza del governatore De Luca impone il coprifuoco sulla movida dalle 23 alle 6 del mattino successivo. Il provvedimento ha decorrenza immediata e sarà in vigore sino al 20 ottobre. Altre regioni hanno istituito l'obbligo di mascherine all'aperto, che potrebbe essere introdotto anche nel nuovo Dpcm del 7 ottobre, assieme ad altre misure restrittive. 

Il viceministro Sileri minimizza e assicura che l'aumento dei contagi non deve preoccupare. "Oggi il virus circola ma molto poco e l'avanzata del virus e' stata contenuta. Ci sono focolai sparsi con cui dobbiamo convivere ma non c'è un caso Lazio, Campania o Lombardia", dice il viceministro della Salute. 

 "I numeri che vediamo oggi non devono provocare allarme o preoccupazione, ma sono numeri da prendere in considerazione. C'è un aumento, lento, progressivo, e i contagi nelle prossime settimane saliranno sicuramente molto di più di quello che osserviamo oggi, ma avere contagiati positivi non vuol dire necessariamente malati - sottolinea -. Leggere e capire la situazione, più che preoccuparcene. La situazione e' complessa, sarà un lungo inverno, ma abbiamo strumenti e capacita' diverse: non sarà come a marzo ed aprile. Purche' si mantenga rispetto delle regole", garantisce Sileri.

I numeri di oggi

Il Ministero della Salute ha reso noti i nuovi dati sul Covid in Italia: gli attualmente positivi sono 58903, nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 16 decessi e 2257 nuovi contagi

Tags:
protezione civile, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook