12:41 30 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Una donna di 36 anni accusata di stalking nei confronti dell'ex fidanzato e condannata ad un anno e quattro mesi è stata poi assolta in appello a Genova, lo riporta il quotidiano La Nazione.

Il fatto risale all'anno scorso. Una donna di 36 anni era stata accusata di stalking dall'ex fidanzato, un 50enne di La Spezia che aveva interrotto la relazione con la donna per tornare con la moglie e che nei 7 mesi successivi alla rottura aveva ricevuto circa 600 contatti tra telefonate e messaggi.

Dopo la condanna ad un anno e quattro mesi per stalking, la donna è stata assolta in appello a Genova con formula piena "perché il fatto non sussiste". Di fatto secondo i giudici i contatti telefonici erano solo un tentativo di riallacciare la relazione.

Davanti al giudice monocratico, il 50enne aveva detto che il comportamento della donna gli aveva provocato grave stato di ansia e paura, tormentandolo con sms, telefonate, pedinamenti e aggressioni verbali. La 36enne, residente nel territorio di Aulla (Massa-Carrara) ma originaria di La Spezia, avrebbe anche inviato mail ed sms con toni minacciosi alla moglie e al figlio dell’uomo e chiamato nel cuore della notte la madre di quest’ultimo.

A giugno un avvocato di Usmate Velate (Monza) è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Monza a quattro anni di reclusione e all'interdizione dalla professione per cinque anni, con l'accusa di stalking giudiziario. Si è trattato del primo caso in Italia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook