00:06 27 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
14224
Seguici su

Nel nuovo Dpcm del governo si potrebbe assistere ad una nuova stretta sulle misure restrittive allo scopo di evitare un nuovo lockdown generalizzato.

Sembra ormai sempre più probabile che nel nuovo Dpcm venga inserita una norma che preveda l'uso obbligatorio della mascherina anche all'aperto su tutto il territorio nazionale a partire dal prossimo giovedì.

Come riferito ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza ai microfoni di Mezz'ora in più su Rai3, la nuova stretta si rende necessaria al fine di "evitare un nuovo lockdown" su scala nazionale.

Si prospettano salatissime anche le multe che saranno comminate agli eventuali trasgressori: su questo fronte, secondo quanto riferito oggi da La Stampa, si parla già di cifre che potranno andare da un minimo di 400 ad un massimo di addirittura 3.000 euro.

Proposte simili sono peraltro già state annunciate dal governatore della Toscana Eugenio Giani e da quello del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga.

Allo studio sarebbe poi l'inserimento di un limite ai partecipanti degli eventi privati, mentre saranno confermate senza dubbio le misure restrittive per trasporti, con la capienza dell'80% sui mezzi pubblici, alle norme per aerei, treni e navi.

Il nodo dei locali

Grandi titubanze su eventuali strette anche a ristoranti e locali in merito all'ipotesi, non poi così remota, di una chiusura anticipata obbligatoria tra le 22 e le 23. 

Sono infatti piuttosto importanti le resistenze ad adottare una tale disposizione in virtù dell'impatto economico che la stessa avrebbe su un settore già martoriato da mesi di lockdown. Abbastanza scontato il divieto di asporto di alcolici all'esterno dopo le ore 22, come già disposto in diversi altri paesi dell'Ue come Spagna e Francia.

Insomma appare ormai del tutto certo che sarà necessario fare dei nuovi sacrifici, come rivelato anche dal presidente del Consiglio Conte in una recente intervista rilasciata al quotidiano Il Corriere della Sera.

Il Covid-19 in Italia

Il Covid-19 in Italia
Sono 2.578 i nuovi casi di coronavirus SARS CoV-2 registrati nella giornata di ieri in Italia, secondo l'ultimo bollettino del Ministero della Salute.

Altre 18 le vittime, che hanno portato il totale a 35.986 dall'inizio dell'ondata pandemica. Sale anche il numero dei tamponi fino a 11.784.105 (+92.714).

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook