12:33 21 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
7012
Seguici su

Un ragazzo nordafricano di 25 anni è stato fermato dalle forze dell'ordine dopo aver seminato il panico in in un convento di suore gridando "Allah Akbar". È accaduto ieri a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

A lanciare l’allarme sono stati i residenti di piazza Giacomo Matteotti, nel centro di Mazara del Vallo che sabato scorso si sono trovati di fronte ad una scena surreale: un ragazzo magrebino di 25 anni intento a sfondare la porta della chiesa del Sacro Cuore di Gesù al grido di “Allah Akbar”.

Sono le 13.30 quando l’uomo, seminudo e forse in preda ai fumi dell’alcol, fa irruzione nella parrocchia che si trova nel centro storico della cittadina in provincia di Trapani. È entrato continuando a gridare, è arrivato fino alla sagrestia e da lì si è introdotto all’interno di un convento di suore. Le religiose non l’hanno notato perché erano tutte nel refettorio.

Nel frattempo l’uomo ha avuto il tempo di devastare le stanze del primo piano, lanciando dalle finestre che danno sul chiostro valigie, fogli di carta e altri oggetti trovati all’interno delle camere da letto delle suore. Ad avvertire carabinieri e polizia sono state le persone che abitano davanti alla chiesa, preoccupate dal trambusto.

L’autore del gesto è stato bloccato dalle forze dell’ordine, come riferiscono i quotidiani locali. Sotto choc le suore, che per fortuna non hanno subito conseguenze e sono subito scappate all'esterno quando si sono accorte della presenza dell'individuo.

"Il criminale è stato fermato dagli agenti di polizia e trasportato in questura, ovviamente nell’Italia governata dal Pd e dal M5s sarà subito rilasciato dalla magistratura con tante scuse e rimesso in libertà per continuare a fare come gli pare in giro per l’Italia", attacca il senatore di Fratelli d'Italia, Giovanbattista Fazzolari, che su Facebook ha commentato l'episodio. L'esponente del partito di Giorgia Meloni ha poi invocato "una svolta di sicurezza e legalità".

A metà settembre un’altra chiesa era stata assaltata da ignoti a Caltanissetta, in Sicilia. I vandali hanno danneggiato gli altari e gli arredi sacri della parrocchia di Sant’Agata al Collegio. A Roma e provincia, invece, sono stati almeno tre gli episodi in meno di un mese, a partire da metà agosto.

L’ultimo, qualche settimana fa, nel cuore della Capitale, quando un uomo di 53 anni ha tentato di aggredire il parroco e poi ha messo a soqquadro la chiesa di San Claudio dei Sacramentini, a piazza San Silvestro. Prima ancora, ad essere prese di mira erano state la parrocchia di Nostra Signora di Czestochowa, a La Rustica, e il santuario di San Gaspare, ad Albano Laziale, dove alcune persone hanno cosparso di benzina il portone, dandogli fuoco.

Correlati:

Russia, attacco con coltello in una chiesa a Mosca: almeno 2 feriti
"Ci prendiamo la Danimarca": chiesa vandalizzata nella città dei migranti fuori Copenhagen
Tags:
Sicilia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook