11:22 30 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
214
Seguici su

La sesta edizione della kermesse bolognese quest'anno sarà interamente dedicata al Covid. Tra gli ospiti ci saranno infettivologi ed esperti che si interrogheranno sulla gestione dell'emergenza sanitaria.

Sarà interamente dedicato al Covid il Festival della Scienza Medica di Bologna, che si aprirà oggi e andrà avanti fino a metà ottobre.  La sesta edizione della kermesse, che ogni anno ospita specialisti ed esperti nel campo della medicina, sarà trasmessa interamente in streaming. Protagonisti, quest’anno, saranno i virologi e i membri del comitato tecnico scientifico che in questi mesi ha affiancato il governo nella gestione della pandemia.  

All’evento inaugurale saranno presenti il presidente di Genus Bononiae, Fabio Roversi-Monaco, il direttore scientifico del Festival, Gilberto Corbellini e il governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. 

Al centro dell’evento ci sarà anche il dibattito sulle misure restrittive intraprese dal governo italiano per arginare i contagi nelle fasi più critiche dell’emergenza. A fare il punto sull’esperienza degli ultimi mesi, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro.

Tante le questioni in discussione. “Vi sono motivi per domandarsi se il dialogo tra politica e scienza è stato proficuo ai fini di una migliore gestione dell’emergenza, stante che l’affidamento ai modelli matematici difficilmente si può sostenere che abbia aiutato, se non alimentando il panico o ipnotizzando la popolazione, l’efficacia delle politiche sanitarie”, nota in un editoriale pubblicato sul sito del Festival il direttore scientifico, Gilberto Corbellini.  

Inoltre, sottolinea, “una volta impostata la gestione di una pandemia in modi terroristici, paternalistici e tecnocratici è difficile tornare indietro, e questo è forse il fattore di rischio più grave che stanno correndo le società occidentali: non Covid-19 in quanto tale, ma una ben più contagiosa paranoia emergenziale con la quale si possono giustificare paralisi economiche, segregazioni sociali e politiche illiberali che davvero avrebbero per l’Occidente e le sue conquiste conseguenze devastanti”.  

È da queste considerazioni che la rassegna si propone di riflettere per “trarre lezioni utili per migliorare i rapporti tra scienza medica e società”. Tra gli ospiti ci sarà anche John Ioannidis, epidemiologo di fama mondiale che ha spesso criticato la modalità di interpretazione dei modelli sull’andamento della pandemia che hanno portato ad una percezione distorta della situazione e all’attuazione di misure drastiche come quella del lockdown.  

In un’intervista a Repubblica Ioannidis, che insegna medicina e metodo scientifico all’università di Standford, ha parlato degli errori nello sviluppo e interpretazione dei modelli necessari a monitorare l’andamento della pandemia. Il riferimento, in particolare, è al fatto che il virus colpisce in maniera diversa a seconda dell’età delle persone o che molti dei contagiati sono completamente asintomatici.  

Ad esempio, spiega Ioannidis allo stesso quotidiano, dire che l’80 per cento della popolazione verrà contagiata, senza specificare che molti di noi già dispongono di una “immunità cross-reattiva” che il nostro sistema immunitario ha maturato negli anni mediante l’incontro con altri coronavirus, significa dare una percezione distorta della realtà. Le conseguenze di questi errori, spiega ancora l’epidemiologo, possono essere anche gravi. Ad esempio negli Usa, afferma Ioannidis, è stato “sovrastimato il numero di letti necessari negli ospedali”. Così molti pazienti affetti da malattie gravi sono stati tenuti lontani dai nosocomi, diminuendo in qualche caso “la loro aspettativa di vita”.  

I numeri del Covid in Italia 

In Italia sono 317.409 i casi totali e 35.918 i decessi dall’inizio dell’epidemia. Gli attualmente positivi sono 52.647, 1.384 in più rispetto alla giornata di ieri. Di questi 3.097 sono ricoverati con sintomi e 291 si trovano nei reparti di rianimazione. 

Correlati:

Fuga dalla città, la paura di un nuovo lockdown spinge a un ritorno alla campagna
Conte esclude lockdown generale in Italia, al massimo chiusure selettive
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook