23:47 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
121
Seguici su

I finanzieri di Prato hanno effettuato l'ennesimo sequestro di mascherine contraffatte all'interno di un'azienda nella zona di Carmigliano. E' la conferma di una produzione alla quale si stanno indirizzando sempre più imprese manifatturiere che danno vita alla filiera del falso.

Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza di Prato, dopo un'attività investigativa, ha fatto accesso in un "pronto moda" in zona Carmignano gestito da persone di origine cinese che ha portato al sequestro di mascherine contraffatte.

Il rappresentante legale della società, una 42enne residente a Carmignano, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Prato per il reato di contraffazione.

Le ricerche all’interno dei locali aziendali hanno consentito di rinvenire:

  • oltre 10mila mascherine in parte semilavorate
  • 2 mila maglie 
  • circa 200 metri di tessuto

Tutto il materiale era griffato con l’effigie e i disegni registrati da importanti brand della moda nonché da società di calcio europee e nazionali.

I prodotti rinvenuti, per i quali non è stata esibita alcuna autorizzazione all’utilizzo dei marchi, sono stati sottoposti a sequestro.

A inizio agosto una maxi operazione portata avanti dall'Agenzia Dogane e Monopoli della Spezia, in collaborazione con i militari del Gruppo della Guardia di Finanza ha portato al sequestro di quasi 138mila articoli contraffatti con marchi falsi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook