21:07 24 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Con una lettera inviata ai gruppi parlamentari di Camera e Senato i rappresentanti degli insegnanti hanno chiesto la sospensione del concorso per l'assunzione dei docenti, la cui prima prova si terrà il 22 ottobre.

Il concorso straordinario per l'assunzione di 32 mila docenti potrebbe rivelarsi un ulteriore stress per le scuole in un momento di emergenza sanitaria.

Le sigle sindacali FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL Scuola Rua, SNALS Confsal e Gilda Unams hanno chiesto una sospensione con una lettera firmata dai rispettivi segretari generali inviata ai gruppi parlamentari di Camera e Senato. 

"Avviare in un contesto di emergenza igienico sanitaria lo svolgimento delle prove del concorso straordinario (e a seguire un maxi-concorso con oltre 500.000 candidati) non produce alcun effetto immediato in termini di assunzioni – si legge nella lettera - mentre espone la scuola e il personale coinvolto a un possibile aumento dei contagi nelle scuole e alla possibilità che molti precari, trovandosi eventualmente in situazione di contagio o di quarantena come effetto del lavoro che svolgono e che li espone a tali condizioni, siano esclusi dalla partecipazione al concorso".

"Riteniamo – scrivono Sinopoli, Gissi, Turi, Serafini e Di Meglio - che il Parlamento possa promuovere un più complessivo ripensamento su una procedura che, se nell’immediato si rivela unicamente un fattore di ulteriore stress per le scuole, meriterebbe comunque di essere riconsiderata alla luce di quanto avvenuto anche in altri settori della PA, mettendo in atto percorsi di stabilizzazione per titoli e prova orale che consentirebbero di garantire l’assunzione in forma stabile di quei precari già oggi impegnati in cattedra con serietà e professionalità al servizio del nostro sistema di istruzione". 

Il concorso straordinario per la scuola

La prima prova del concorso straordinario per l'assunzione di 32 mila docenti si terrà il 22 ottobre e poi si proseguirà a scaglioni sino a metà novembre, in modo scaglionato per i protocolli anti-covid. 

Le prove del concorso, il primo svolto in tempi di coronavirus, si dovranno tenere nel rispetto delle norme anti-contagio, di distanziamento e sicurezza. La temperatura corporea verrà misurata agli ingressi e non saranno ammessi candidati con febbre superiore a 37.5 gradi o con sintomi compatibili con il COVID-19. Chi verrà escluso dai test non avrà la possibilità di sostenere delle prove suppletive, così come invece è stato previsto per i test di medicina. 

Ai vincitori del concorso verrà riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro dal 1 settembre 2020, ma i precari saranno inseriti di ruolo retroattivamente, dal prossimo anno. Il concorso non servirà a colmare le carenze di insegnanti che hanno caratterizzato la ripartenza dell'anno scolastico 2020-21. 

Tags:
Sindacati, Italia, concorso, Scuola
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook