00:05 30 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Gli indagati hanno percepito il reddito di cittadinanza per mesi, nonostante i loro precedenti penali di stampo mafioso.

La Guardia di Finanza ha portato alla luce una enorme truffa in provincia di Agrigento, dove 11 persone percepivano il reddito di cittadinanza a dispetto del fatto che avessero dei precedenti per reati legati alla criminalità organizzata di tipo mafioso.

E' così che gli inquirenti hanno sequestrato 11 social card ad altrettante persone, per un danno accertato all'erario di 300.000 euro.

Nel registro degli indagati risultano in tutto 69 persone, individuate anche grazie alla collaborazione per l'Inps, che ha revocato l'erogazione del contributo illecitamente percepito.

Il procuratore capo Luigi Patronaggio ha riferito che sono attualmente in corso ulteriori indagini per identificare eventuali altri illegittimi percettori del reddito di cittadinanza, "sia per l'esistenza di condizioni soggettive ostative alla erogazione sia per l'esistenza di concomitanti rapporti di lavoro in nero".

Non è escluso che future evoluzioni dell'inchiesta possano portare ad ampliarla ad un numero ancora maggiore di soggetti.

Nei giorni scorsi a Napoli erano stati denunciati quattro parcheggiatori abusivi che percepivano il reddito di cittadinanza: ora dovranno restituire il compenso irregolarmente percepito.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook