13:21 21 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
101
Seguici su

In un raptus durante un allenamento di arti marziali, un minore ha aggredito il padre con calci, pugni e infine una piccozza da alpinismo.

Un allenamento di arti marziali tra padre e figlio poteva finire in tragedia. Durante lo sparring l'adolescente, senza un'apparente ragione, si è avventato sul genitore con calci, pugni, morsi, arrivando a colpirlo persino con una piccozza da alpinismo. L'aggressione è avvenuta ieri nel mantovano, secondo quanto riporta la stampa locale. 

L'uomo, per sfuggire alla furia del figlio è uscito di casa sanguinante e si è accasciato al suolo, dove in seguito lo hanno trovato i soccorsi del 118. I poliziotti arrivati sul luogo hanno trovato il ragazzo dentro l'appartamento, in stato di visibile alterazione, che lo rendeva refrattario a rispondere alle domande degli agenti. Il minore ha dichiarato solo di non conoscere il motivo che lo ha portato ad accanirsi sul padre. 

Entrambi sono stati portati all'ospedale. Al genitore, che ha riportato tumefazioni in testa e al corpo, è stata data una prognosi di 30 giorni, mentre il minore è stato ricoverato in psichiatria e denunciato a piede libero al tribunali dei minori di Brescia. 

L'episodio avviene a pochi giorni da una vicenda simile, finita tragicamente. Lo scorso lunedì 21 settembre un uomo di Rivara, in provincia di Torino, si è tolto la vita dopo aver ucciso il figlioletto di 11 anni, dopo aver scritto le ragioni del suo gesto in un lungo post su Facebook. 

Tags:
Lombardia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook