23:54 21 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
205
Seguici su

L'attuale presidente dell'Inps ha voluto fare chiarezza intorno alla situazione venutasi a creare in merito al suo compenso.

In una lettera indirizzata al quotidiano La Repubblica, il presidente dell'Inps ha voluto ha voluto rispondere alle numerose critiche ricevute in seguito alla pubblicazione della notizia riguardante un presunto arretrato corrispostogli del valore di circa 100.000 euro e di un contestuale aumento di stipendio da 62.000 a circa 150.000 euro annui

"Mi ha sorpreso il modo in cui è stata trattata la vicenda che, soprattutto in Rete ha scatenato centinaia di commenti sfociati anche in minacce e insulti alla mia persona. Ribadisco che non mi è stato riconosciuto un arretrato di 100mila euro e che l'aumento non l'ho deciso io", ha esordito il presidente Inps.

Tridico ha quindi voluto sottolineare le due incongruenze messe in evidenza in un articolo pubblicato sul quotidiano, lo stesso che ha poi contribuito ad alzare il polverone delle ultime ore:

"Per effetto del decreto interministeriale che stabilisce i compensi del Cda di Inps (e Inail), al sottoscritto sarebbe riconosciuto un arretrato di 100mila euro. Questo il primo falso: la realtà invece è che la nuova misura del compenso previsto per il presidente dell'Istituto decorrerà non da maggio 2019, bensì dal 15 aprile 2020, vale a dire da quando si è insediato il Cda e ne ho assunto la carica di presidente".

Per quanto riguarda "il secondo falso", Tridico ha poi argomentato che "non è nei poteri del presidente o di qualsiasi altro organo dell'istituto determinarsi i compensi". 

Nella giornata di ieri anche la stessa Inps ha replicato alle notizie secondo cui il presidente Tridico avrebbe iniziato a percepire uno stipendio da 150.000 euro annui a cui sarebbero stati riconosciuti anche benefici retroattivi.

La risposta di Repubblica

Il quotidiano ha a sua volta cercato di replicare alle puntuali dichiarazioni di Tridico, sostenendo la fondatezza e l'attendibilità dell'articolo in questione.

"Riporta fedelmente il contenuto di atti ufficiali quale un decreto interministeriale che aumenta i compensi dalla data di nomina del presidente e scritto in modo da autorizzare il riconoscimento degli arretrati", si legge nella nota di Repubblica.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook