00:30 22 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Nelle ultime ventiquattro ore in Italia sono stati registrati 1.786 nuovi casi di contagio da coronavirus. Questo emerge dai dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Il numero dei casi totali dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto quota 304.323.

Nell'ultimo giorno oltre mille persone, 1.097 per la precisione, sono riuscite a sconfiggere definitivamente il coronavirus, dato migliore rispetto ai 995 guariti di ieri. Il bilancio complessivo delle guarigioni sale così fino a 221.762.

Oggi sono stati registrati 23 decessi per Covid, 3 in più rispetto a ieri, che portano il totale delle morti per l'infezione del coronavirus a 35.781.

Le persone attualmente positive al coronavirus sono al momento 46.780, 666 in più rispetto a ieri. Di queste 2.731, pari al 5,83%, si trovano ricoverate in ospedale con sintomi, mentre i pazienti in terapia intensiva sono 246, 2 in più rispetto a ieri e pari allo 0,52% del totale. 43.803 persone, pari al 93,65% del totale dei casi attivi, si trovano in autoisolamento domiciliare con decorso della malattia asintomatico o in presenza di sintomi lievi.

Dei 1.786 nuovi casi registrati oggi, in prevalenza arrivano dal Veneto con 248, seguito dal Lazio con 230, dalla Lombardia con 229, dalla Campania con 195, dalla Toscana con 156, dalla Sicilia con 125, dal Piemonte con 104 e dalla Liguria con 102. Nelle altre regioni i nuovi casi sono stati inferiori a 100, in aggiunta da nessuna parte nel Paese sono stati registrati zero contagi.

Nelle note integrative del bollettino si evidenzia che:

  • in Sicilia "dei 125 nuovi casi positivi di oggi, 2 sono migranti ospiti presso l'hotspot di Lampedusa";
  • in Calabria "dei 9 nuovi casi positivi di oggi, 3 sono migranti."

Oggi sono stati effettuati ben 108.019 tamponi, in aumento rispetto ai 103.696 di ieri.

Ricordiamo che nella giornata di oggi è stata rilevata la positività al coronavirus a Zlatan Ibrahimovic, bomber svedese del Milan.

Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook