05:08 24 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 12
Seguici su

I militari dell'Arma hanno rinvenuto alcune schede occultate all'interno di uno dei cassetti del seggio. Si dimette la presidente del seggio.

Si sono verificate delle irregolarità in un seggio elettorale di una sezione a Procida, in provincia di Napoli. Lo riferisce il quotidiano Il Mattino.

A quanto si apprende, nel seggio allestito nell'istituto scolastico 'Flavio Gioia' di Procida, sono state rinvenute delle schede elettorali nascoste all'interno di un cassetto.

Sul posto sono intervenuti i militari dell'Arma dei Carabinieri, che hanno svolto degli accertamenti, chiudendo il seggio per alcune ore.

La sezione, all'interno della quale si vota anche per eleggere il nuovo sindaco e il governatore della Campania, è stata quindi riaperta per la prosecuzione delle operazioni di voto intorno alle 9:30 del mattino.

Successivamente sulla pagina ufficiale Facebook della lista 'Procida per tutti' è stata resa nota la notizia delle dimissioni della presidente del seggio, la quale ha rinunciato al proprio incarico "per garantire la serenità delle operazioni di voto".

Le votazioni del 20 e 21 settembre

E' scattata quest'oggi la due giorni elettorale in Italia, con gli aventi diritto che sono chiamati a rinnovare 962 giunte comunali, 7 giunte regionali e ad esprimere il proprio parere nel referendum popolare confermativo relativo all’approvazione del testo della legge costituzionale recante "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari".

In totale sono 46 milioni i cittadini che possono recarsi alle urne per tracciare una X sulla scheda di colore verde chiaro, valida per il referendum, e su quelle per le votazioni regionali e comunali nelle suddivisioni amministrative dove si vota anche per il rinnovo della giunta.

Inoltre, in due collegi, rispettivamente in Veneto e Sardegna, si svolgono contestualmente le elezioni suppletive del Senato della Repubblica.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook