23:35 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
150
Seguici su

La Guardia di Finanza ha chiesto il sequestro preventivo di beni alle famiglie dei quattro presunti assassini di Willy Duarte Monteiro per aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza.

I presunti assassini del giovane Willy Monteiro giravano con capi firmati, auto e moto di grossa cilindrata, si permettevano vacanza di lusso. Al momento dell’arresto alcuni di essi avevano anelli al dito in oro massiccio.

Una situazione che aveva destato più di qualche sospetto agli inquirenti e così le indagini della Guardia di Finanza hanno portato alla scoperta che le famiglie di Gabriele e Marco Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, percepivano il reddito di cittadinanza. In alcuni casi si trattava di piccole somme, anche di soli 80 euro al mese, ma secondo le Fiamme Gialle percepivano il sostegno indebitamente.

Per questo oggi è stato chiesto un sequestro preventivo di beni per il valore di 27mila euro, al fine di evitare che gli indagati possano in qualche modo sottrarsi al pagamento dei 33mila euro di reddito di cittadinanza percepito indebitamente.

L’Inps, a cui è stata segnalata la violazione, ora dovrà valutare la situazione e intimare la restituzione della somma. Intanto i quattro sono ora indagati anche per questo reato.

Correlati:

Ma quale fascismo! A uccidere Willy è stata la sotto-cultura di Gomorra 
Domani i funerali di Willy, presente anche il premier Conte
Camicie bianche per Willy, il premier Conte presente ai funerali del giovane ucciso a Colleferro
Tags:
reddito di cittadinanza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook