11:58 19 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
211
Seguici su

Regalo quanto mai insolito quello di un avvocato della provincia di Caserta per le nozze di una sua collaboratrice – un buono per una separazione consensuale gratuita della durata di tre anni. Una provocazione per porre l’accento sull’aumento del numero dei divorzi, ha detto. Sì, proprio ‘una provocazione’, ha confermato la sposa.

Un buono per una separazione consensuale gratuita della durata di tre anni non sarebbe poi così male come regalo, considerato quello che costano le assistenze legali oggi in Italia, anche quando la separazione non diventa una vera e propria causa legale ma è consensuale, se non fosse però che il regalo era proprio quello di nozze.

La sposa tuttavia, la Signorina Francesca, ora Signora, non l’ha presa poi così male. Passi che è una praticante e collaboratrice della Signora avvocato Carmen Posillipo, del Foro di Santa Maria Capua Vetere, per cui magari in caso di tale emergenza si sarebbe potuta aspettare comunque un’assistenza agevolata dalla persona per la quale ha lavorato, passi anche che un buono per separazione non sembra molto di buon augurio se consegnato proprio durante un matrimonio, la giovane sposa ha dichiarato di aver inteso correttamente lo spirito del particolare dono e di averlo anche, tutto sommato, apprezzato.

"L'ho fatto un po' per esorcizzare, un po' per gioco e anche per scaramanzia. Il costo della fine di un matrimonio manda in rovina ogni famiglia, quindi prima di usare questo buono pensateci bene. Auguri", ha detto l’avvocato Posillipo che sostiene di aver voluto porre l’accento in questo modo, sull’aumento delle cause di separazione in Italia negli ultimi anni.

"Se questo matrimonio supererà i tre anni, convertirò il buono in denaro" ha però aggiunto, dimostrando di voler in questo modo incentivare i giovani sposi ad andare d’accordo. Ottima idea all’apparenza, ma si poteva fare anche il contrario volendo – un bel regalo subito, se poi vi separate dopo neppure tre anni allora me lo riprendo indietro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook