22:38 29 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
110
Seguici su

Svuotate 63 strade nel raggio di 400 metri per evacuare l'area a rischio durante le operazioni di disinnesco. Le forze dell'ordine sono intervenute in 5 punti per convincere altrettante famiglie a lasciare le proprie abitazioni.

Un residuato bellico della seconda guerra mondiale è stato disinnescato con successo questa domenica nell'area del porto di Palermo. L'ordigno è una bomba statunitense, dal peso di 600 libre, l'equivalente di 272 chili, di cui 100 di esplosivo.

Le operazioni di disinnesco hanno visto all'opera gli artificieri del IV Genio Guastatori della Brigata Aosta. La spoletta è stata fatta brillare all'interno della camera di compensazione costruita sul luogo di ritrovamento.

Per effettuare l'intervento in sicurezza, il Centro di coordinamento soccorsi della Prefettura di Palermo ha dato ordine di evacuazione per le 7000 persone domiciliate nell'area interessata alle operazioni di disinnesco. E' stata svuotata l'area attorno alla zona rossa, all'interno del porto, per un raggio di 400 metri, che ha interessato 63 strade. E' stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine in 5 punti per convincere altrettante famiglie ad allontanarsi dalle proprie case. 

L'evacuazione è avvenuta alle 6 di questa mattina, circa tre ore prima dall'inizio delle operazioni di disinnesco dell'ordigno. Alle dieci l'ordigno è stato imbracato e trasportato nella casa matta, mentre il taglio della calotta è stato effettuato verso mezzogiorno. Alle 14.00 il disinnesco è stato dichiarato ufficialmente concluso e le famiglie sono potute rientrare a casa. 

 L'ordigno era trovato all'interno dell'area del Porto durante i lavori per il Passante ferroviario.

Tags:
esercito, Palermo, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook