03:05 23 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
14020
Seguici su

I 27 migranti presi a bordo dalla Mar Jonio sono sbarcati sabato sera a Pozzallo dopo che il Viminale ha concesso il POS. Erano stati per 38 giorni davanti alle acque territoriali di Malta a bordo della petroliera danese.

E' finita l'odissea per i 27 migranti della Maersk Etienne, che sabato sera hanno potuto mettere piede sulla terra ferma dopo che nel pomeriggio è arrivata la concessione del porto sicuro di Pozzallo per motivi sanitari, ha fatto sapere la Ong Mediterranea Saving Humans. Dopo gli accertamenti sanitari saranno portati in un centro di accoglienza siciliano. 

La petroliera danese Etienne e il suo armatore Maersk per settimane hanno chiesto a Malta un pos e la nave cisterna è rimasta in attesa davanti alle acque territoriali maltesi, dopo aver risposto alla richiesta di salvataggio dei 27 migranti arrivata dall'Mrcc della Valletta e in acque di sua competenza. Ma le autorità maltesi hanno negato la concessione del porto sanitario, nonostante gli appelli giunti da Oim e Unhcr. 

La svolta è arrivata quando la nave Mare Jonio, salpata giovedì dalla Sicilia per una nuova missione nel Mediterraneo centrale, ha prima prestato assistenza sanitaria ai migranti e all'equipaggio della petroliera danese e poi trasbordato i 27 passeggeri. Nel pomeriggio di sabato 12 settembre è arrivato l'ok allo sbarco dal ministero degli Interni, per 25 migranti. Una donna incinta di quattro mesi e il marito erano infatti già stati evacuati a Pozzallo per ragioni sanitarie. 

 

Lo sbarco degli altri 25 migranti è avvenuto alle 22.40 di sabato notte, dopo che la nave è giunta al porto di Pozzallo alle 21.40 circa. 

​La dottoressa di bordo della Mare Jonio, Agnese Colpani, aveva lanciato l'allarme in un video comparso su twitter relativamente alle condizioni di salute psico-fisica dei migranti, che avrebbero tentato atti di autolesionismo. 

​In mare resta la nave della Open Arms che nei giorni scorsi ha riscattato oltre 270 migranti e ha chiesto un porto sicuro sia all'Italia che a Malta. 

 

Tags:
ONG, Sicilia, Migranti, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook