17:26 26 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
200
Seguici su

Scillieri e Di Rubba si sono lamentati per i guadagni dell'operazione, rivelatisi inferiori a quanto previsto. E' quanto emerge dall'intercettazione di una telefonata avvenuta lo scorso maggio, nell'ambito dell'inchiesta su Lombardia Film Commission.

"Ne faremo altre mille... la prossima volta andrà bene, invece di 50 ne prendi 70". Queste sono le parole scambiate tra Michele Scilieri, il commercialista vicino alla Lega, e Alberto Di Rubba, ex presidente della fondazione Lombardia Film Commission e ex revisore dei conti del Carroccio alla Camera, durante una telefonata intercettata lo scorso maggio, durante la quale i due parlavano della "conclusione infelice dell'affare relativo alla fondazione e ai terreni", secondo quanto riportato dal gip di Milano, Giulio Fanales.  

Nell'ordinanza di custodia cautelare si legge che i tre commercialisti colpiti dal provvedimento, Michele Scilieri, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, si troverebbero nelle condizioni di commettere "delitti della stessa specie", in quanto il gruppo ha "dimostrato una spiccata capacità organizzativa" basata su "legami interpersonali  particolarmente stretti e risalenti nel tempo con un vincolo di solidarietà reciproca", con "perfetto riparto dei compiti" e "potenzialità operative. 

Il gruppo, inoltre "beneficia degli incarichi di rilievo tuttora ricoperti da alcuni suoi componenti negli organigrammi di numerose società ed enti, fra i quali anche soggetti di diritto privato a partecipazione pubblica". 

L'arresto dei tre commercialisti vicini alla Lega

Nelle scorse ore  tre commercialisti ritenuti vicini alla Lega sono finiti agli arresti domiciliari per il loro coinvolgimento nell’inchiesta della Procura di Milano sulla compravendita di un immobile a Cormano da parte della Lombardia Film Commission.

Ai tre interessati, Michele Scillieri, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, sono stati contestati i reati di peculato, turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. L'inchiesta corre parallelamente a quella della procura di Genova, sui 49 milioni della Lega. 

Il leader leghista, Matteo Salvini, intervistato questa mattina a Radio Anch'io, su Radio Rai Uno, ha ribadito la sua fiducia nella magistratura e dichiarato che l'inchiesta finirà in un nulla di fatto. 

"Siamo tranquillissimi. Da anni cercano soldi in Russia, a San Marino, in Svizzera: non ci sono", sono state le parole del segretario leghista. 
Tags:
Lega, Lombardia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook