21:11 21 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
140
Seguici su

Operazione dei Carabinieri di Reggio Calabria nella locride contro una associazione criminale di etnia Roma. Plurimi i reati loro ascritti che vanno dal furto al reato ambientale.

Nella provincia di Reggio Calabria è in corso dalla notte scorsa una vasta operazione dell’Arma dei Carabinieri nei confronti di un gruppo criminale di etnia Rom, accusati di vari reati che vanno dall’associazione per delinquere finalizzata all’organizzazione di delitti contro il patrimonio, ma anche furti, truffe, estorsioni, reati di ricettazione e riciclaggio. Tra i reati contestati anche quello di fede pubblica, inquinamento ambientale e spaccio di stupefacenti.

Durante le perquisizioni sono state rinvenute anche armi nella disponibilità degli arrestati.

Il gruppo criminale operava tra Ardore e Bovalino, in un territorio in cui la comunità rom è storicamente radicato in una collocazione non conflittuale e non concorrenziale con le cosche di ‘ndrangheta che pure operano in quei territori.

Al gruppo criminale sono contestati anche rati di ordine pubblico, contro la persona e il patrimonio.

I dettagli dell’operazione saranno resi noti durante la conferenza stampa prevista per le ore 11.30 presso il Comando gruppo carabinieri di Locri (RC), presieduta dal Procuratore della Repubblica di Locri dottor Luigi D’Alessio.

Correlati:

Caserma di Piacenza, nuova denuncia di violenze da parte dei carabinieri
Rimini: cameriere chiede "Scusa a Benito" nel servire clienti neri, denunciato ai Carabinieri
Rave party in provincia di Asti, 290 persone denunciate dai Carabinieri
Tags:
carabinieri
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook