00:02 24 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
706
Seguici su

Boss di cosa nostra e cannibale, così il boss siciliano detenuto a Rebibbia al 41-bis ha staccato il dito mignolo a un agente del penitenziario al culmine di una lite che ha del selvaggio.

Il boss di cosa nostra, Giuseppe Fanara, detenuto in regime di 41-bis nel carcere di Rebibbia da 9 anni, ha addentato il dito di un agente della polizia del penitenziario e probabilmente lo ha ingerito.

Il boss cannibale ha commesso il reato lo scorso 17 giugno ma il fatto emerge solo ora.

Adesso il boss di 60 anni dovrà sottoporsi a un nuovo processo per i reati di lesioni gravissime e resistenza a pubblico ufficiale.

Ma l’ulteriore sentenza non cambierà molto la vita al temuto boss, che sconta l’ergastolo ed è certo che da Rebibbia non uscirà mai.

Tutto è accaduto al termine di una perquisizione della cella dell’uomo da parte di 7 agenti. L’uomo è andato su tutte le furie ed ha aggredito uno degli agenti spingendolo a terra, colpendolo al volto e infine compiendo il gesto cannibalesco.

I 7 agenti sono riusciti a calmarlo solo dopo due ore ed ora l’ergastolano cannibale è stato trasferito da Rebibbia al carcere di massima sicurezza di Sassari, luogo più confacente a un membro di cosa nostra.

Correlati:

Coronavirus, l'allarme della DIA: "Per le mafie possibile boom di guadagni come nel dopoguerra"
Politica e mafia, a Napoli arrestato sindaco di Marigliano per scambio elettorale
Catania, decapitata cellula della mafia nigeriana: 28 fermi
Tags:
Cosa Nostra
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook