15:00 24 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
244
Seguici su

I tafferugli sono durati per circa un'ora, dopodiché la polizia è riuscita a disperdere i manifestanti.

Nella serata di ieri, intorno alle ore 23, sono stati registrati dei disordini nell'area del nuovo cantiere della TAV a Chiomonte, in provincia di Torino.

Protagonisti delle agitazioni circa 80 attivisti No TAV, che hanno inizialmente cercato di appiccare un incendio accatastando del legname, con le fiamme che però sono state immediatamente spente dalla polizia.

E' iniziato così un fitto lancio di petardi, pietre e bombe carta, con i manifestanti che hanno preso posizione ad alcune decine di metri di distanza dalla recinzione.

Le forze di polizia hanno dunque risposto con i lacrimogeni, disperdendo i No Tav dopo circa un'ora dall'inizio dei tafferugli, con la situazione che è lentamente ritornata alla calma nel corso della note.

La TAV

La ferrovia Torino–Lione, conosciuta anche come TAV, è un'infrastruttur, ideata a partire dagli anni Novanta e in fase di progettazione e realizzazione dagli inizi degli anni Duemila, consistente in una linea ferroviaria internazionale di 235 km, dedicata al trasporto di merci e persone fra Torino e Lione, che andrebbe ad avanzare, con caratteristiche più avanzate, la linea esistente che transita attraverso il traforo ferroviario del Frejus.

Sulla base di considerazioni tecniche, economiche, sociali, politico-ideologiche e ambientali, si è prodotta in Italia una forte opposizione all'opera da parte delle comunità locali e del cosiddetto movimento No TAV, che sin dai primi anni Novanta tenta di ostacolare la realizzazione del progetto

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook