23:42 23 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
7321
Seguici su

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha preso parte al Forum Ambrosetti di Cernobbio. Nel suo intervento, moderato da Ferruccio de Bortoli, il premier parla delle prospettive di rilancio del paese dopo l'emergenza sanitaria per il Covid-19.

A Cernobbio, nella seconda giornata del Forum Ambrosetti, il premier Giuseppe Conte rivolge alla platea un discorso di quaranta minuti, in cui ripercorre i mesi difficili passati dall'Italia e traccia le linee guida per il rilancio ed il miglioramento del Paese. 

Secondo Conte la pandemia è stata "la più pesante sfida che l'italia ha affrontato dal dopoguerra ad oggi", ma la fase dell'emergenza è alle spalle e con prudenza il premier torna per la seconda volta in poche ore ad escludere l'ipotesi di un ritorno ad un lockdown generalizzato.

“L’Italia si è dimostrata molto disciplinata, i cittadini italiani, rappresentati all’estero come estrosi, creativi ma anche molto indisciplinati, hanno compreso il momento e sono disposti a seguire regole che abbiamo suggerito e anche imposto. Anche i contagi che stiamo contando in questi giorni sono il frutto di quelle che chiamerei distrazioni agostane, però anche qui l’Italia dimostra di essere stata abbastanza responsabile perché il numero dei contagi comparato a paesi limitofi è sensibilmente inferiore” - ha detto Conte.

Soldi UE non per taglio tasse ma per la ripresa

Il presidente del Consiglio si è soffermato anche sulla congiuntura economica e le modalità di utilizzo del Recovery Fund:

 “Non pensiamo certo di chiedere le risorse del Recovery Fund per abbassare le tasse. Ci occorrano risorse per realizzare tutti quei i progetti e quelle iniziative che andranno a definire un disegno coerente e coordinato destinato a rimanere alle generazioni future. La vera sfida che ci attende è quella di affrontare i nodi strutturale che hanno impedito all’Italia di crescere e di affrontarli, non tornare come prima della pandemia”. - ha detto il presidente del Consiglio.

Pagamenti elettronici dal 1° dicembre

In chiusura Conte si sofferma sulla riforma del sistema fiscale italiano, un passo resosi necessario da quarant'anni di interventi singoli che si sono andati a sovrapporre senza alcun approccio organico. La strada per contrasatare l'economia sommersa secondo il premier passa dalla diffusione dei pagamenti digitalizzati:

"Gli incentivi per i pagamenti digitalizzati arriveranno dal 1° dicembre. Partirà il meccanismo dei bonus che porterà all'incentivo dei pagamenti digitali, senza, almeno nella prima parte a non penalizzare i pagamenti in contanti" - ha concluso Conte.

Il 46° Forum Ambrosetti-The European House "Lo scenario di oggi e domani per le strategie competitive" è ospitato a Villa d'Este in Cernobbio il 4/5/6 settembre. Il programma conta la partecipazione di 71 relatori, di cui 36 presenti fisicamente, in rappresentanza di 19 paesi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook