14:44 27 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Per il presidente dell'Iss i tempi non sono ancora maturi per la riapertura degli eventi sportivi al pubblico.

In un'intervista pubblicata quest'oggi da Il Corriere della Sera, il presidente dell'Istituto superiore della sanità Silvio Brusaferro ha fatto il punto sulla possibilità di riaprire al pubblico gli eventi sportivi, mostrandosi estremamente scettico circa tale ipotesi:

"I raduni di massa sono considerati al mondo come il massimo livello di rischio che non è legato solo all'evento. Ci sono una serie di problemi nel gestire l'ingresso e l'uscita delle persone", ha spiegato l'esperto.

Brusaferro ha quindi riferito che al momento attuale il Comitato tecnico scientifico ritiene che non sussistano le premesse necessarie ad una riapertura immediata:

"Il Cts ritiene che allo stato attuale non ci siano le premesse per eventi con spettatori e la preoccupazione è anche quella di non sovraccaricare il sistema di altri fattori di rischio", ha concluso.

Le parole di Brusaferro arrivano dopo giorni in cui vari esponenti del mondo dello sport, e più specificatamente del mondo del calcio, avevano chiesto a gran voce la riapertura degli stadi per i tifosi.

La ripartenza della Serie A

La Serie A 2020/21 partirà ufficialmente il 19 settembre 2020. Questa data è stata scelta dalla Lega Serie A al termine del Consiglio di Lega riunitosi il 3 agosto, con l'inizio del campionato che è dunque slittato di una settimana rispetto alla prima data ipotizzata, ovvero quella del 12 settembre. L'ultima giornata è invece prevista per il 23 maggio 2021.

Nei giorni scorsi è stato effettuato il sorteggio del calendario del massimo campionato di calcio italiano, per il quale sono previsti sei turni infrasettimanali e tre soste in concomitanza con gli impegni delle Nazionali.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook