02:30 20 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 104
Seguici su

Una famiglia francese pensava di portare via dalla Sardegna un singolarissimo ricordo delle proprie vacanze, passate sulle meravigliose spiagge sarde. Ma ad un controllo hanno ricevuto un'esorbitante multa.

Sei sacchetti di sabbia, per un totale di due chili, sono stati ritrovati dalla polizia aeroportuale all'interno delle valige di una famiglia francese, durante un controllo all'aeroporto di Cagliari- Elnas, dove i turisti erano in procinto di imbarcarsi su un volo di rientro, dopo una vacanza trascorsa sulle splendide spiagge della Sardegna.

I turisti devono essere rimasti particolarmente impressionati dalla bellezza della natura sarda, tanto da voler portare con loro la sabbia delle spiagge da cui sono passati.

Ogni sacchetto, infatti, recava il nome della località dove il "souvernir" era stato prelevato: Capriccioli (Arzachena), Is Arutas e Maimoni (Cabras), Putzu Idu (San Vero Milis), S'archittu (Cuglieri) e di Coaquaddus (Sant'Antioco).

Purtroppo la loro idea-ricordo è costata cara. Fermati dalla polizia per un controllo dei bagagli, hanno dovuto pagare mille euro di multa, per aver prelevato illegalmente la sabbia. In Sardegna, infatti, la tutela dell'ambiente prevede la protezione delle spiagge e quindi il divieto di prelevare sabbia, deturpando l'habitat naturale. 

“Questi comportamenti non solo danneggiano l'ambiente, ma compromettono il mantenimento del litorale destinato allo sviluppo sostenibile del turismo in Sardegna”, si legge in un comunicato delle autorità locali.

La famiglia si è detta dispiaciuta per aver infranto le regole e arrecato un danno ambientale, sottolineando di non essere al corrente del divieto.

Tags:
Turismo, Francia, Sardegna, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook