22:33 26 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
130
Seguici su

Ieri è avvenuto l'incontro fra il capo del governo, Giuseppe Conte, il presidente della Sicilia, Nello Musumeci, e il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, per risolvere l'emergenza migranti a Lampedusa.

L'incontro tra il governo nazionale e quello regionale avviene in seguito a un braccio di ferro tra Palazzo d'Orleans e il Viminale, che ha portato davanti al Tar l'ordinanza con cui il presidente della Sicilia chiedeva la chiusura di tutti gli hotspot della regione e il trasferimento immediato dei migranti in altro loco. 

"Soddisfatto a metà dell'incontro con #Conte di ieri perché siamo di fronte a tanti impegni ma a nessuna certezza. Non abbiamo chiesto baratti e non siamo disposti a farli. Non mi arrendo", ha detto il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, in un intervento a Radio Anch'io dopo il vertice di ieri con il premier Conte e il sindaco di Lampedusa Totò Martello.

"La diffidenza da parte mia - ha aggiunto- è legittima se si tiene conto che dopo dieci anni è stato posto seriamente il tema del flusso migratorio in un confronto diretto tra il governo centrale e regionale". "Valuteremo uno per uno gli impegni assunti in relazione alle scadenze del calendario che lo stesso premier si è dato. Con l’ordinanza di due settimane fa - ha concluso Musumeci- abbiamo in risalto il tema dell’immigrazione anche dal punto di vista umanitario e sanitario". 

Dall'altro lato, il sindaco di centrosinistra di Lampendusa, Totò Martello, aveva più volte invocato un incontro con il premier Conte, anche dopo aver ottenuto la visita del ministro Luciana Lamorgese, lo scorso luglio. 

Al vertice di mercoledì pomeriggio erano presenti anche l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, e il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. 

Il ministro Lamorgese ha definito "proficuo" il tavolo con Musumeci e Martello, aggiungendo che "con la collaborazione istituzionale si trova sempre la sintesi di tutti i problemi".

Tags:
Giuseppe Conte, Nello Musumeci, Migranti, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook