02:00 27 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
113
Seguici su

Telefonata del leader di Forza Italia durante la presentazione dei candidati del partito. Il candidato del centrodestra Caldoro si dichiara fiducioso pur ammettendo il vantaggio dell'attuale presidente della Regione nei sondaggi.

Telefonata di Silvio Berlusconi per arringare la squadra presentata dal centrodestra in vista delle prossime elezioni regionali in Campania. Promettendo presto una sua presenza nel capoluogo partenopeo, intanto il Cavaliere si scaglia contro il presidente della Regione Campania in carica, Vincenzo De Luca.

"Il sistema di potere di De Luca, che è nato e cresciuto nel Partito comunista italiano, somiglia sempre più a quello tipico del blocco ex sovietico. Lo ha detto addirittura 'l'Espresso', rivista simbolo della sinistra in Italia", ha tuonato Berlusconi, riferendosi anche a un articolo della rivista diretta da Marco Damilano.

Poi l'ex premier si è concentrato su un aspetto a lui noto, quello mediatico, stigmatizzando, più che il politico, il personaggio De Luca.

"De Luca ha saputo costruire se stesso come personaggio televisivo e in questo è stato abile, gliene dobbiamo dare atto, ma governare è un'altra cosa. La politica non è spettacolo e smette di essere divertente quando nasconde i problemi", ha dichiarato.

Il Cavaliere è tornato su un altro tema a lui caro da sempre, ovvero la continuità tra l'attuale centrosinistra e l'esperienza comunista.

"È un confronto tra due culture politiche radicalmente alternative: noi siamo i liberali, loro sono gli eredi dei comunisti, che hanno cambiato le parole d'ordine, ma non i metodi di governo", ha sottolineato Berlusconi.

Infine, l'endorsement per Stefano Cald0ro, che si risolve anche in una promessa di pronta visita in Campania.

"Non vedo l'ora di tornare da voi campani, che da troppo attendete le soluzioni dei problemi. Sono certo che Caldoro sia la persona giusta per far ripartire Napoli e la Campania: è stato un eccellente governatore. Ho voluto personalmente la sua candidatura perché per lui nutro stima e considerazione aldilà della nostra amicizia", ha concluso. 

A proposito del candidato del centrodestra, questi ha commentato i sondaggi che danno in netto vantaggio il suo avversario.

"I sondaggi sono ben noti da tempo, l'effetto Covid ha prodotto una particolare attenzione sui governi regionali un po' in tutta Italia, ma guardo i quasi 18 punti persi da De Luca dal momento in cui il Covid portava i cittadini a rivolgersi ai governanti", ha commentato.

L'ex presidente della Regione (per lui sarebbe la seconda esperienza) tiene ben presente la realtà ma non si abbatte, consapevole che "la paura ha inciso, ma 18 punti sono tanti. Abbiamo ancora tre settimane e possono essere tre settimane di verità".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook