11:31 19 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
2262
Seguici su

Musumeci sollecita il Viminale a intervenire sulla questione migranti in Sicilia, un argomento che non è in cima all'agenda. E se la prende anche con i parlamentari siciliani: siete assenti.

“La terza ordinanza che ha suscitato tante polemiche, è perfettamente in linea con le prime due. Gli hotspot non sono rispondenti alle condizioni necessarie per garantire la sicurezza sanitaria.” Lo ha detto Nello Musumeci durante la prevista conferenza stampa di questa mattina presso la sede della Regione Siciliana a Palermo.

“Se diciamo alla gente di stare a un metro di distanza e di evitare gli assembramenti, è mai possibile che poi in un salone ci devono stare 700 persone?”, si domanda Musumeci, raccontando quello che ha visto di persona presso gli hotspot e i centri di accoglienza che ha visitato con l’assessore alla sanità.

“A Lampedusa non ce la fanno più. Le condizioni dell’hotspot sono indicibili. E non certo migliori sono le condizioni dei centri di accoglienza di Porto Empedocle, a Pozzallo…”

Non è una questione razzista

“Non mi importa capire la loro nazionalità, sono esseri umani che si trovano sul territorio della mia Regione e io sono il soggetto attuatore per l’emergenza anti-Covid”, sbotta Musumeci.

Dare del “razzista a un siciliano”, dice Musumeci, è qualcosa che sta fuori dalla realtà perché “noi siamo il popolo più accogliente al mondo”.

La polemica con il Viminale

Musumeci non intende arrivare allo scontro con il Ministero dell’Interno, ma chiede la loro presenza e sulla questione delle competenze in materia migranti afferma ironico:

“Certo che è tema dello Stato, perché se avessi potuto disporre della materia migranti avrei fatto ben altro. Io mi occupo di materia sanitaria non di migranti. Sono esseri umani, e quella promiscuità disarmante è davvero un delitto.”

E quindi invita il governo a esercitare i suoi poteri.

“Le competenze sono vostre? Bene, esercitatele. Diteci se è vostra anche la competenza sanitaria. E se è vostra, siete fuori legge. Perché in quei locali le disposizioni di legge anti-Covid non sono rispettate.”

L’assenza dei politici siciliani

Musumeci sottolinea anche la quasi totale assenza sull’argomento della rappresentanza parlamentare dei siciliani. Dei deputati e senatori siciliani di qualsiasi schieramento politico.

“Il fenomeno migratorio non fa più notizia e credono a Roma che i siciliani si sono assuefatti al tema. Anche da parte della rappresentanza parlamentare siciliana, non si è fatta molto viva sull’argomento.”

“Noi aspettiamo fino a questa sera”, conclude Musumeci.

Le parole dell’assessore Razza

“Sono in corso nei centri di accoglienza dei controlli da parte delle autorità sanitarie per verificare se sono rispettate le misure di sicurezza sanitaria previste dalle linee guida anti-covid nazionali.” Lo ha detto l’assessore alla Sanità Ruggero Razza.

“In alcuni Centri, – rende noto l’assessore –, si era previsto di mettere otto persone in una stanza con letti a castello e senza una adeguata aerazione.”

Video Conferenza stampa di Musumeci

Correlati:

Sindaco di Pozzallo risponde a Musumeci: ordinanza populista
Taverna risponde a Musumeci: "Immigrazione compete allo Stato, pensasse a far rispettare le regole"
Ordinanza Musumeci, Viminale chiede sforzo comune delle istituzioni e leale collaborazione
Tags:
redistribuzione migranti, Accoglienza dei migranti, Crisi dei migranti, Migranti, Nello Musumeci
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook