22:45 29 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
102
Seguici su

Il 'goloso' indennizzo da 600 euro non è stato richiesto solo da 4 Furbetti di Montecitorio, ma anche da 40mila italiani con partita Iva che forse non ne avevano diritto. Affiora il male endemico.

Secondo l’Antifrode dell’Inps il totale di quanti hanno richiesto il bonus da 600 euro senza averne diritto sono stati 40mila e facendo due conti si arriva a 48 milioni di euro indebitamente percepiti o incautamente erogati, in base a come si preferisce leggere la vicenda.

Fatto sta che quando il governo varò il decreto di Marzo, il sistema dell’Inps andò in tilt a seguito dell’elevatissimo numero di richiedenti l’indennizzo da 600 euro destinato in prima istanza a quei piccoli imprenditori con partita Iva che avevano chiuso l’attività, tra cui i parrucchieri, i centri estetici, i negozi di abbigliamento e molte altre categorie.

Ma a percepirlo sono stati anche alcuni di quanti durante il lockdown non sono stati colpiti da provvedimenti di chiusura e, senza fare nomi, si tratta di tutte quelle categorie ATECO che non rientravano negli allegati dei Dpcm.

A percepirlo poi, anche chi aveva un reddito elevato e avrebbe potuto non richiederlo ma questa è più una storia di etica mancante a cui il Governo avrebbe potuto porre rimedio recependo la richiesta, avanzata da Fratelli d’Italia, di imporre un tetto.

Facendo due rapidi conti, gli indennizzi erogati sono 40 mila per due, uguale 1200 euro erogati a 40mila partite Iva che non avrebbero dovuto percepirla. E il totale farebbe a questo punto anche di più dei 48 milioni di euro e cioè 96 milioni di euro.

La verità di fondo è che il male endemico dell’Italia è venuto a galla anche durante una fase così drammatica per il Paese che, come ha ricordato oggi Zingaretti, lascerà i poveri ancora più poveri e per giunta sta creando nuovi poveri come osservato anche dal Censis.

Correlati:

Furbetti del Bonus, Salvini: "Parlamentari Lega coinvolti già sospesi"
Furbetti del bonus, per il deputato Rizzone (M5S) richiesta di sospensione
Furbetti di Montecitorio, Rizzone si difende: ecco come stanno le cose veramente
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook