04:39 26 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 58
Seguici su

Commento del presidente di Fratelli d'Italia sulla nuova direttiva per l'uso della pillola RU486 per l'aborto farmacologico, che si potrà effettuare in day hospital.

"Le nuove linee guida sulla somministrazione della pillola RU486 senza ricovero ospedaliero obbligatorio, aggiornate dal Ministro della Salute Speranza, sono un balzo indietro per le donne e non un passo in avanti verso una maggiore 'libera autodeterminazione femminile' come vuol far credere la sinistra", ha dichiarato la Meloni in risposta alla direttiva varata nella giornata di oggi.

Secondo il presidente di Fratelli d'Italia la direttiva abbandonerebbe le donne alle prese con una scelta difficile e dolorosa.

"Trasformare l'aborto farmacologico in una pratica casalinga 'fai da te' significa prima di tutto abbandonare a loro stesse le donne che ricorrono alla somministrazione della pillola, senza controllo medico, senza un sostegno psicologico e far vivere in solitudine un processo difficile e pericoloso", ha commentato. 

Per la deputata si tratta di un vero e proprio passo indietro.

"Non calcolare il rischio potenziale che questa scelta comporta è da irresponsabili: si fa furore ideologico sul corpo delle donne, calpestando il principio della tutela della salute e contravvenendo anche a quanto contenuto nella legge 194/78, sulle condizioni di sicurezza richieste per l'interruzione volontaria della gravidanza", ha concluso Meloni.

Le parole dell'ex Ministro della Gioventù costituiscono una risposta alle nuove linee guida, varate dal Ministro Speranza, che prevedono l’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico in day hospital fino alla nona settimana.

Le nuove direttive modificano in pratica i protocolli per l’assunzione della pillola RU486 che potrà essere usata senza ricovero: basterà una giornata in ospedale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook