13:34 24 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
6111
Seguici su

L'inutile vittoria con il Lione di ieri sera che è costata la qualificazione ai quarti della Champions League è stata fatale per il tecnico toscano dopo una sola stagione sulla panchina della Juventus, nonostante la vittoria dello scudetto.

Anche se manca l'ufficialità, attesa comunque nelle prossime ore, la proprietà della Juventus ha deciso di interrompere la collaborazione con l'allenatore toscano Maurizio Sarri.

La decisione è stata presa prima del previsto dal presidente Andrea Agnelli, che a caldo dopo l'eliminazione di ieri a Torino dalla Champions League con l'inutile vittoria 2-1 contro il Lione, arrivato 7° nel campionato francese appena conclusosi, aveva definito la stagione della squadra "agrodolce", evidenziando allo stesso tempo la delusione per l'uscita dalla massima competizione europea per club e preannunciando "valutazioni" sul futuro dell'allenatore.

L'eliminazione dalla Champions è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per l'esperienza di Sarri sulla panchina della Juve, dopo che nel corso della stagione la squadra non è riuscita ad esprimere il calcio spettacolo che la dirigenza si aspettava oltre ad un cammino europeo più glorioso. La vittoria del campionato, tra l'altro la nona consecutiva per i bianconeri, non è bastata al tecnico toscano. Le voci sulla panchina traballante di Sarri erano iniziate a diffondersi сon maggiore insistenza dopo la sconfitta in finale di Coppa Italia con il Napoli. 

Secondo quanto riportato dai media, per la panchina 3 sono al momenti i candidati che starebbe valutando la proprietà bianconera: Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, Zinedine Zidane e Mauricio Pochettino.

Tags:
Champions League, juventus, Calcio, Sport, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook