16:30 03 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
316
Seguici su

Il Ministro degli Esteri annuncia i primi successi delle misure per arginare l'immigrazione clandestina dalla Tunisia in sinergia con le autorità del paese africano. E lancia un messaggio chiaro all'Unione Europea: "L'Italia non è più disposta a farsi carico, da sola, del problema".

In un post su Facebook, rilanciato anche attraverso Twitter, il ministro ritorna su un tema che lo ha tenuto molto impegnato negli ultimi giorni, il contrasto dell'immigrazione illegale dalla Tunisia, che ultimamente stava avvenendo su larga scala.

Di Maio ribadisce la bontà del suo modo di procedere scevro di urla e slogan, che sta portando ai primi risultati in collaborazione con il governo tunisino, che si sta attrezzando per fermare direttamente le partenze. Lo stesso esponente del M5S aveva già sottolineato la necessità di affondare i barchini direttamente in Tunisia. 

Parole di apprezzamento anche per il lavoro del Ministro degli Interni Lamorgese, che permetterà di avviare i rimpatri dal 10 agosto.

Di Maio ha anche ribadito che il problema va affrontato non solo dall'Italia ma dall'Unione Europea nella sua interezza e che deve essere affrontato senza pregiudizi ideologici, dal momento che non vanno attuate discriminazioni ma semplicemente rispettate le regole.

​Il governo italiano aveva già definito la Tunisia "un paese sicuro", riservandosi quindi il diritto di non concedere il diritto di asilo ai suoi emigranti.

Il piano per contrastare il fenomeno era stato stilato in sei punti, comunicati sempre attraverso il social di Mark Zuckerberg.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook