18:33 30 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
12327
Seguici su

Il mese passato l'Italia ha confermato il rifinanziamento di tutte le missioni estere, incluso gli interventi in Libia e il finanziamento dellal Guardia Costiera.

L'Europa, l'Onu e la politica hanno "segnato un grande fallimento" in Libia. Lo sostiene il ministro dell'Agricoltura, Teresa Bellanova in una intervista a Fanpage, secondo cui gli accordi con Tripoli vanno rivisti. 

"Bisogna svuotare quei campi e togliere di mezzo la guardia costiera libica", aggiunge, spiegando che "il fenomeno migratorio non può essere gestito da un solo Paese", ma deve essere l'Europa a farsene carico. 

Con il governo Renzi, prosegue, "dicevamo appunto che dovevamo ‘aiutarli a casa loro'", ma per creare le condizioni perché le persone non debbano scappare dalla fame c'è "bisogno che anche le strutture sovranazionali mettano risorse per sostenere effettivamente Paesi" aprire spazi di sviluppo e soddisfazione dei bisogni primari dei cittadini di quegli Stati. 

Sanatoria dei migranti

La Bellanova ha ricordato con un passaggio la regolarizzazione dei migranti da impiegare nelle campagne e nei lavori domestici, a cui sinora hanno aderito 110-120 mila persone. 

"Sono convinta che quella era una misura che andava fatta, se tornassi indietro la rifarei", dice la ministra. Poteva "essere fatta meglio" se ci fosse stato un maggior consenso nel governo ed essere estesa anche ad altri settori dove la manodopera extracomunitaria è impiegata, come l'edilizia, la logistica, la ristorazione. 

Infine lancia un appello a "tutte le organizzazioni del volontariato laico, cattolico, alle organizzazioni sindacali: attivatevi per far conoscere nei ghetti che esiste questa possibilità".

Tags:
Libia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook