03:24 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
3108
Seguici su

Inaugurato il nuovo ponte di Genova San Giorgio alla presenza delle massime cariche dello Stato. Conte: "Riavvicinare Genova e gli italiani alle Istituzioni".

Alle 19:13 del 3 di agosto, meno di due anni dopo il tragico crollo del Ponte Morandi, Genova ha di nuovo il suo ponte sulla Valpolcevera. 

La cerimonia di inaugurazione era iniziata circa mezz'ora prima con la lettura dei nomi delle 43 vittime della sciagura del 14 agosto 2018. Successivamente hanno preso la parola nell'ordine, il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, l'architetto autore del progetto Renzo Piano ed il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. 

Il taglio del nastro da parte del sindaco e commissario straordinario Bucci, del governatore regionale Toti e del presidente del Consiglio Conte, è stato accompagnato dal volo delle Frecce Tricolori che disegnano nel cielo la bandiera italiana e lo stendardo di San Giorgio.

Il nuovo ponte verrà aperto al traffico veicolare il 5 agosto, mentre domani sarà a disposizione dei cittadini che lo potranno percorrere a piedi, proprio come fatto oggi dal presidente Mattarella.

Conte: "Oggi Genova riparte"

"Oggi Genova riparte forte della sua operosità, come ha fatto in tanti momenti della sua storia, confidando nella forza del lavoro. Mostra un Paese che, a dispetto degli stereotipi, sa rialzarsi, che sa tornare a correre. Genova deve ripartire e lo fa da qui. Il Ponte crea una nuova unità, genera nuova fiducia, ha la funzione di riavvicinare - e lo spero fortemente - i cittadini di Genova, dell’Italia intera, allo Stato" ha dichiarato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il premier ha poi aggiunto che il nuovo ponte rappresenta un'opera mirabile frutto del genio italico, di una virtuosa collaborazione tra politica, amministrazione locale, impresa e lavoro che restituisce al popolo un’immagine di forza e anche di leggerezza.

Mattarella: "La ferita non si rimargina"

Il presidente della Repubblica non ha preso la parola durante la cerimonia di inagurazione, ma lo ha fatto prima, nella sede della Prefettura del capoluogo ligure, dove ha avuto un incontro privato con il Comitato dei familiari delle vittime, che hanno disertato la cerimonia ufficiale.

"Ci tenevo a incontravi prima della cerimonia del Ponte per sottolineare pubblicamente e in maniera evidente che la ferita non si rimargina, che il dolore non si dimentica e che la solidarietà non viene meno in alcun modo. E condivido la vostra scelta di vederci in prefettura e non sul ponte non perché "l'inaugurazione" non sia importante. Lo è per la città naturalmente. Ma perché quest'incontro è un'occasione di raccolta, non di frastuono" - le parole di Mattarella.

L'iter del nuovo ponte

Ad agosto del 2019 Anas aveva ricevuto l’incarico dal Commissario straordinario per la ricostruzione e primo cittadino genovese, Marco Bucci, di occuparsi sia del collaudo statico sia di quello tecnico-amministrativo del nuovo Ponte di Genova. Concluse tali verifiche, il 19 luglio sono iniziate le prove di carico.

I test, durati tre giorni, avevano l’obiettivo di verificare sperimentalmente la capacità strutturale del ponte e la sua risposta alle azioni impresse. Ieri 2 agosto Anas ha rilasciato il certificato di collaudo che ha dato esito positivo.

Ai lavori di costruzione nel cantiere di Genova, gestito da WeBuild- Fincantieri hanno preso parte 1200 operai.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook