03:40 01 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
5314
Seguici su

Danneggiata la scultura di Antonio Canova la Paolina Borghese da un turista austriaco che si è fatto un selfie sedendosi letteralmente con il deretano sul piede dell'opera.

“Un incosciente turista austriaco si è seduto sulla Paolina Borghese, spezzandole le dita del piede.”

A dirlo è Vittorio Sgarbi che è il fondatore della Fondazione Antonio Canova, che dal 2005 gestisce il Museo Gipsoteca di Possagno in provincia di Trento dove l’opera in gesso è esposta in mostra.

Un atto incredibile che lascia senza molte parole lo stesso Vittorio Sgarbi, che sull’accaduto si è espresso così:

“si registra un episodio clamoroso, che non viene da visitatori italiani, né da extracomunitari, ma da un incosciente turista austriaco che ha ritenuto di mettersi in posa per una foto di opportunità sedendosi sulla Paolina Borghese, spezzandole le dita del piede”.

Sconcerto totale, anche perché il turista austriaco si sarebbe reso conto della gravità della cosa ed è fuggito via. Le telecamere di sorveglianza hanno però ripreso tutto.

L’opera, è l’originale in gesso dell’opera che il Canova ha poi realizzato in marmo e che è esposta alla Galleria Borghese di Roma.

La scultura di Paolina Borghese nella versione in gesso è esposta alla Gipsoteca di Possagno dal 1829.

Sgarbi: arrestatelo

Sgarbi, che di recente è stato intervistato da Sputnik, ha chiesto alle forze dell’ordine di essere rigorosi con l’uomo e di non consentirgli di rientrare in patria, perché dice:

“Lo sfregio a Canova è inaccettabile”.
Tags:
Scultura, Arte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook