07:36 15 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Il caso Consip è una complessa vicenda di un presunto caso di corruzione riguardante l'imprenditore napoletano Alfredo Romeo e alcuni dirigenti della società Consip che si occupa degli acquisti dell'amministrazione pubblica. Nell'inchiesta sono finiti Tiziano Renzi, padre dell'ex premier e l'ex ministro dello Sport dem Luca Lotti.

L'ex capo del dicastero sportivo durante il governo Gentiloni Luca Lotti dovrà difendersi dall'accusa di rivelazione di segreto d'ufficio in un processo dopo che il Gup di Roma ha deciso il suo rinvio a giudizio insieme al generale dei Carabinieri Emanuele Saltamacchia.

L'avvocato dell'ex ministro del Pd ha fatto sapere che la decisione del Gup non è stata inattesa e auspica di "avere maggiore fortuna nel dibattimento".

Da notare che la Procura aveva chiesto l’archiviazione, ma i Gip aveva deciso di disporre ulteriori indagini, a margine delle quali il Pm Mario Palazzi aveva chiesto il non luogo a procedere, richiesta non condivisa dal Gup.

L'udienza è stata indetta dal giudice il prossimo 13 ottobre. Secondo l'accusa, lo scorso 3 agosto 2016 l'ex ministro avrebbe rivelato a Luigi Marroni, all'epoca amministratore delegato di Consip, "l'esistenza di una indagine penale che interessava gli organi apicali passati e presenti di quella società e, in particolare, di una attività di intercettazione telefonica sull'utenza in suo uso".

Da notare che Luca Lotti si è autosospeso dal Pd dopo il coinvolgimento in un'altra inchiesta legata sulle procure e nomine del Csm. In particolare secondo al Procura di Perugia Lotti avrebbe svolto numerosi incontri con Luca Palamara, magistrato del Csm dimessosi in seguito ad un'indagine per corruzione e protagonista di intercettazioni imbarazzanti contro il leader della Lega Matteo Salvini.

Tags:
Giustizia, Italia, partito Democratico
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook