07:25 15 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
461
Seguici su

Cento migranti sono fuggiti in massa questa domenica dal centro di accoglienza di Caltanissetta. Il sindaco Gambino: "Così non si può continuare".

Nella notte sono stati ritrovati 80 dei 100 migranti fuggiti domenica pomeriggio dal CARA di Pian del Lago, nella località di Caltanissetta. A darne la notizia è il sindaco della città siciliana, Roberto Gambino, che chiede al governo di non inviare più i richiedenti asilo nel centro nisseno. 

"Sono tutti negativi ai tamponi, ma non è questo il punto, chiedo la massima sicurezza della struttura. Perché in questo modo non si possono contenere. -dice Gambino- Così non si può continuare".

Il centro di Caltanissetta ospita 350 migranti. Dieci dei cento fuggitivi erano stati rintracciati alcune ore dopo la fuga, mentre gli altri sono stati ritrovati nella notte. 

I casi di evasione dai centri di accoglienza o di isolamento fiduciario si sono susseguiti durante i mesi estivi, generando preoccupazione nelle autorità isolane. 

Sulla vicenda è intervenuto il presidente della Sicilia, Nello Musumeci. 

"Avrete già letto dei 100 migranti scappati a Caltanissetta. Si aggiungono ai tunisini scappati a Pantelleria e a quelli evasi dall’Hotspot di Pozzallo, i quali, a loro volta, si sommano a tutti gli altri", ha scritto Musumeci su un post di Facebook. 

Secondo il presidente della regione è sbagliato che Roma"dica che “tutto va bene”" e chiede che la Sicilia non venga "trattata come una colonia".

"Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c’è troppa improvvisazione e superficialità", precisa.

All'inizio del mese, alcuni migranti hanno tentato la fuga dal centro di accoglienza Villa Sikania, Agrigento: un poliziotto è rimasto ferito durante il tentativo di fuga dei profughi.

Tags:
Migranti, Italia, Sicilia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook