20:26 14 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Nella provincia di Varese la Polizia di Stato ha effettuato tre arresti ed il sequestro di circa 12 chilogrammi di sostanza stupefacente in due operazioni diverse, avvenute venerdì a Vergiate e giovedì a Gallarate.

In due operazioni svoltesi tra giovedì e venerdì la Polizia di Stato di Gallarate tra i comuni di Gallarate e Vergiate ha complessivamente effettuato 3 arresti e sequestrato 12 chili di cocaina. 

"Un lavoro  importante fatto dai ragazzi del Commissariato che hanno mostrato grande intuito, grande capacità di indagine e di cogliere i segni non verbali,  e anche grazie all’ausilio dell’unità cinofila della Guardia di Finanza di Malpensa" ha commentato il commissario della Polizia di Gallarate Luigi Marsico.

​Laboratorio di produzione e distribuzione di droga in un'azienda a Vergiate

Nella giornata di venerdì è stato arrestato un 57enne per detenzione ai fini di spaccio di due chili e mezzo di cocaina,  rinvenuti all’interno del deposito della sua azienda di Vergiate specializzata nella manutenzione e riparazione di materiale utilizzato. Insieme a quest'ultimo è stato arrestato anche un 43enne che era all’interno dell’azienda al momento dell’ispezione.

All'interno del capannone sono stati ritrovati 2,331 chilogrammi di cocaina e 365 di Marijuana insieme a quello che è risultato essere laboratorio di lavorazione e imballaggio: dalla pellicola per impacchettare, a bilance e frullatori, fino persino a una pressa per ridurre il contenuto in panetti.

Trovato in auto con 9 chili di cocaina

A Gallarate il giorno prima erano stati sequestrati nove chili di cocaina, e arrestato il cittadino albanese che ne era in possesso: il fatto è avvenuto durante un normale controllo, dove è emerso che l'uomo stava trasportando otto involucri di droga su un autocarro.

Il carico di cocaina è stato sequestrato mentre l'autista 27enne con regolare permesso di soggiorno è stato arrestato.

Negli scorsi giorni la Polizia di Stato ha disarticolato una strutturata rete di pedofili italiani che compravano immagini e video da adolescenti che si facevano pagare per determinate prestazioni.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook