08:52 26 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
4511
Seguici su

Il Dl semplificazioni eviterà che i sindaci possano opporsi alla realizzazione della rete 5G nazionale. Le loro ordinanze non avranno valore legale, ma alcuni di loro protestano.

Nell’ottica della minore burocrazia, minori intoppi e lungaggini, il decreto semplificazioni è intervenuto anche sull’installazione degli apparati del 5G, la nuova generazione di strumenti per la connessione mobile ultra veloce.

Il Dl semplificazioni esautora il potere dei sindaci di opporsi all’installazione sul proprio territorio degli apparati e consentirà quindi una più rapida costituzione della rete 5G nazionale.

Tutto parte da una singolare situazione che aveva portato decine di comuni italiani a vietare l’installazione perché si riteneva che il 5G portasse con sé anche il nuovo coronavirus.

La mega bufala è stata creduta anche da alcuni sindaci che, proprio nei mesi del lockdown italiano, avevano firmato ordinanze per vietarne l’installazione.

Il ministero dell’Innovazione ha pubblicato un articolo riassuntivo di quelle che sono le misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale dell’Italia.

L’ultimo punto riassuntivo dell’articolo ricorda appunto che “i sindaci non potranno introdurre limitazioni alla localizzazione sul proprio territorio di stazioni radio base per reti di comunicazioni elettroniche di qualunque tipologia e non potranno fissare limiti di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici diversi rispetto a quelli stabiliti dallo Stato.”

I sindaci si oppongono

Uno dei sindaci che aveva firmato l’ordinanza di divieto d’installazione degli apparati, il sindaco di Vicenza Francesco Rucco, si oppone perché dice che il sindaco è “la massima autorità sanitaria locale”.

Il presidente di Anci Veneto, Mario Conte, afferma che la scelta è una “limitazione all’autonomia dei sindaci” e considera questo un tema delicato.

Il 5G cos’è?

Il 5G è la connessione mobile di nuova generazione che nei prossimi anni sostituirà la connessione 4G.

In Italia sono attualmente presenti apparati di comunicazione 3G e 4G su tutto il territorio nazionale, mentre il 5G è in fase di sperimentazione nelle principali città come Milano, Torino, Bologna, Roma, Firenze e Napoli.

Il 5G sarà una tecnologia implementata negli smartphone di prossima generazione e alcuni sono già dotati di tale tecnologia.

Nei prossimi anni gli smartphone con il 5G integrato saranno gli unici disponibili in commercio e consentiranno una esperienza di connessione ultra veloce.

Correlati:

Tim fa fuori Huawei dalla gara al 5G in Italia e Brasile
Londra, le pressioni di Trump dietro il ban per il 5G a Huawei
Dl Semplificazioni: i sindaci non possono vietare le antenne 5G
Tags:
Rete 5G
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook