07:32 15 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
3212
Seguici su

La Azzolina risponde alle sigla sindacali che in una conferenza stampa sul web avevano dichiarato assenti le condizioni per una riapertura della scuola a settembre.

"Ora basta". La risposta della ministra Azzolina ai sindacati arriva dall'Huffington Post. "La scuola riaprirà regolarmente il 14 settempre", ha garantito la ministra". "Mi attaccano perché sono donna, giovane e Cinque stelle - prosegue - ma io ho due lauree, l’abilitazione all’insegnamento, specializzazioni. Ma ora vado in tv - promette - e spiego io".

"In questo momento c’è troppa disinformazione sulla scuola - avverte la Azzolina -  è stata utilizzata per lucrare consenso. Tutti quelli che criticano oggi sono gli stessi che hanno continuamente tagliato fondi: la destra ha tolto 8 miliardi alla scuola e creato le classi pollaio. Oppure ne parla chi non se n’è mai occupato o l’ha denigrata. Quindi ho deciso, in questo momento, di usare tutti i mezzi per dare informazioni, direttamente. Ho il dovere di parlare alle famiglie, al personale scolastico, al Paese".

La sfida a Salvini

Lucia Azzolina ha affermato di essere pronta ad un confronto con il leader leghista Matteo Salvini, da cui ha ricevuto numerosi attacchi per la gestione della scuola e della riapertura nel post-epidemia. 

"Salvini appartiene a quel centrodestra che diceva, “con la cultura non si mangia”, quindi probabilmente non ama né i musei, né i teatri, né i cinema. Per me rappresentano luoghi di cultura", ha specificato. 

"Forse farebbe meglio - affonda la ministra - a guardare meglio quel che stiamo facendo piuttosto che stare vicino ai fenicotteri rosa gonfiabili. Al ministero stiamo lavorando dalla mattina alla sera per riportare tutti a scuola a settembre. Salvini - prosegue - ha detto anche che non si sa quando ricomincia la scuola, si rende conto? Quante volte lo dobbiamo dire che il 14 settembre la scuola ricomincia per tutti e che dal primo settembre partono i recuperi".

Sulle classi pollaio precisa che è impossibile risolvere il problema degli spazi in un mese e mezzo, ma i fondi del Recovery Fund saranno destinati ad espandere l'edilizia scolastica.

La replica dei sindacati

Per Rino di Meglio, coordinatore nazionale del sindacato degli insegnanti Gilda, la riapertura il 14 settembre è propaganda. "A oggi non c'è il personale. Anzi, gli organici approvati prevedono un taglio dei posti. - osserva il sindacalista - Oltre al ritardo spaventoso  che abbiamo a questo punto, siamo di fronte al classico scaricabarile all'italiana, con i sindacati che diventano capri espiatori. È una cosa terribile". 

Tags:
Coronavirus, Scuola, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook