07:07 15 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 02
Seguici su

L'Istituto Superiore di Sanità ha diffuso i dati relativi ai casi pediatrici di coronavirus in Italia: sono l'1,8%, di cui il 4,3% gravi. Rischio maggiore se associato a patologie preesistenti.

I casi pediatrici di Covid-19 in Italia sono l’1,8% del totale, con un’età media di 11 anni. Il 13,3% di questi è stato ricoverato in ospedale.

Tali i dati riportati da un articolo pubblicato sulla rivista scientifica 'Pediatrics' a cura del reparto di epidemiologia, biostatistica e modelli matematici del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità.

Dall'articolo emerge anche che, come per i casi più anziani, si è in presenza di un rischio maggiore se in presenza di patologie preesistenti. 

L'analisi dei dati si basa sulle diagnosi confermate di Covid-19 dal 20 febbraio all'8 maggio 2020. Quelli relativi a neonati, bambini e adolescenti e sono stati confrontati con gli analoghi riguardanti la popolazione adulta e anziana. 

I casi pediatrici rappresentano l'1,8% delle diagnosi totali (3.836 su 216.305), di cui il 51,4% riguarda soggetti maschi. Il 5,4% presentava patologie pregresse. La malattia si è rivelata lieve nel 32,4% dei casi e grave nel 4,3%, in particolare nei bambini di età minore o uguale 6 anni (10,8%).

Tra i 511 pazienti ospedalizzati, il 3,5% è stato ricoverato in terapia intensiva. Quattro i decessi (due bimbi con meno di un anno e due tra 5 e 6 anni), tutti a causa di un deterioramento di condizioni pregresse già molto compromesse, per cui l'impatto dell'infezione da coronavirus potrebbe aver aggravato la situazione, ma non sembra possa essere considerata la causa principale della morte. Nonostante generalmente i casi pediatrici di Covid-19 siano meno gravi rispetto alle altre fasce di età, quando questi coinvolgono neonati o bambini con patologie preesistenti il rischio di pericolosità della malattia aumenta.

Non sì è ancora potuto valutare un reale impatto della malattia sui giovanissimi in seguito al distanziamento sociale e alla chiusura delle scuole. Inoltre la popolazione infantile potrebbe giocare un ruolo attivo nella trasmissione del virus.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook