01:06 28 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
222
Seguici su

Il sindaco di Luino chiude il parco divertimenti perché i genitori dei bambini non indossavano la mascherina e perché i gestori non hanno rilevato la temperatura. Ma i giostrai protestano.

A Luino in provincia di Varese le istituzioni locali impongono il pugno duro sul luna park e così lo chiudono perché in troppi sono stati osservati non indossare la mascherina.

Il sindaco del paesino affacciato sul Lago Maggiore aveva avvertito: o indossate la mascherina o chiudo tutto.

E così è successo a soli pochi giorni dall’apertura, di nuovo chiuso il parco divertimenti.

Secondo il sindaco Andrea Pellicini, il gestore del luna park non avrebbe fatto rispettare l’obbligo di indossare la mascherina nei giorni di sabato 11 e domenica 12 luglio.

Secondo il sindaco, non solo non sarebbe stata fatta indossare la mascherina ai clienti, ma non si sarebbe provveduto neppure alla misurazione della temperatura.

Il parco divertimenti di Luino resterà chiuso nei giorni di lunedì 13 luglio e martedì 14 luglio.

Il sindaco si è riservato di adottare ulteriori provvedimenti se i gestori del luna park non faranno rispettare ai clienti l’uso della mascherina e se non metteranno in atto tutto quanto previsto dalla normativa vigente sul contenimento dei contagi da Covid-19.

I giostrai protestano

I giostrai hanno protestato sotto la sede comunale contro l’ordinanza del sindaco e chiedono spiegazioni.

Il sindaco è tuttavia deciso ad andare avanti per la sua strada ed ha comunicato l’ordinanza al Prefetto di Varese e a tutte le forze dell’ordine, comprese quelle di frontiera.

Correlati:

Varese, sequestrate 330mila mascherine con marchio CE contraffatto
Umberto Bossi ricoverato all'ospedale di Varese: non è grave
Primario accusato di omofobia sospeso all’ospedale di Varese
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook