10:40 05 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
7441
Seguici su

Allo studio un nuovo Dpcm che sostituirà il precedente firmato l'11 giugno scorso. Nei fatti si tratterà di un prolungamento delle limitazioni già previste allora.

Fino al 31 luglio le discoteche, le fiere e i congressi resteranno ancora chiusi. A deciderlo domani sarà un Consiglio dei ministri e la firma di Conte su di un nuovo Dpcm, riporta l’Ansa.

Le indicazioni sul prolungamento delle restrizioni sono state fornite dal Ministero della Salute riporta l’agenzia di stampa italiana.

Martedì 14 luglio scadono infatti i provvedimenti presi con il Dpcm dell’11 giugno e vanno quindi sostituiti con uno nuovo.

Il nuovo Dpcm potrebbe contenere anche una lista di 13 nazioni con divieto di ingresso sul territorio nazionale. Il divieto è molto esteso, perché prende in considerazione chiunque abbia soggiornato in uno dei 13 Paesi della lista negli ultimi 14 giorni antecedenti.

Tali nazioni sono state escluse dai collegamenti con l’Italia a causa dello coefficiente di contagio, troppo elevato, in base alle misure sanitarie applicate per contrastare il contagio stesso.

Nella misura straordinaria, potrebbe essere previsto anche il rimpatrio immediato come già avvenuto nei giorni scorsi con l’aereo provenuto dal Qatar e con a bordo un cospicuo numero di bengalesi, ai quali l’arrivo sul territorio nazionale è già stato vietato con ordinanza ministeriale.

Proroghe fino al 31 luglio

Il nuovo Dpcm non farà altro che prorogare fino al 31 luglio quanto già previsto dal decreto dell’11 giugno.

Resta in vigore l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso, come ad esempio supermercati, uffici postali, banche, ospedali, ecc.

Ancora in vigore il divieto di assembramento per finalità sanitarie, così come nei cinema, nei teatri e nelle chiese i posti a sedere dovranno permanere preassegnati, così come anche nei treni.

Gli eventi all’aperto possono prevedere un massimo di mille spettatori per spettacolo e al chiuso un massimo di 200.

Anche nelle attività commerciali e nelle imprese restano in vigore le restrizioni agli accessi e il distanziamento fisico.

Verso la proroga dello stato di emergenza

Il 31 luglio scade lo stato di emergenza sanitaria nazionale scattato a fine gennaio scorso. Ora il governo ipotizza una estensione fino al 31 ottobre, ma in precedenza si era pensato a una estensione fino al 31 dicembre.

Le opposizioni non sono d’accordo all’estensione delle misure di emergenza.

In caso di fine dello stato di emergenza verrebbero a decadere tutte le misure e gli obblighi in vigore, come l’uso della mascherina in luogo chiuso, il distanziamento fisico e le altre limitazioni. Inoltre diventerebbe più complesso individuare e agire su eventuali focolai.

Correlati:

Agrigento, arrestati due bengalesi-kapò aguzzini di migranti nei lager libici
Trump per la prima volta con una mascherina in pubblico - Video
Fase 3, Lombardia riapre a calcetto, sport di contatto e discoteche
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook