19:57 13 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
423
Seguici su

Storica visita del presidente di Slovenia presso la Foiba di Basovizza. In silenzio mano nella mano con il presidente Sergio Mattarella hanno commemorato i morti.

Il gesto della mano nella mano tra il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e il presidente di Slovenia Borut Pahor, resterà come il momento più alto di un processo di riconciliazione storica tra uno dei paesi della ex Jugoslavia e l’Italia, in riferimento agli eccidi compiuti nelle Foibe.

Mattarella e Pahor si sono incontrati dapprima nella caserma del Reggimento Piemonte Cavalleria nel quartiere triestino di Villa Opicina, quindi presso la Foiba di Basovizza dove hanno deposto una corona di fiori con i nastri tricolori delle rispettive bandiere.

Quella di Pahor è stata la prima volta in assoluto di un presidente di uno dei Paesi della ex Jugoslavia a visitare e commemorare i morti presso una Foiba.

A Basovizza in particolare furono uccise circa 2000 persone tra civili e militari italiani. Le violenze si protrassero dal 1943 al 1945.

Nel 1980 il pozzo di Basovizza fu classificata monumento di interesse nazionale mentre la prima visita di un presidente della Repubblica risale al 1991. L’11 settembre 1992 il presidente Oscar Luigi Scalfaro elevò il luogo a monumento nazionale.

Mattarella di recente ha ricordato che si tratto di una sciagura storica e che va combattuto il negazionismo intorno alla triste vicenda che appartiene alla storia dell'Italia.

Consegna del Narodni Dom

I due presidenti si sono quindi recati nella Prefettura di Trieste per firmare il protocollo d’intesa relativo alla restituzione del Narodni Dom alla comunità italiana di lingua slovena presente in Italia.

Una firma che giunge un secolo dopo l’incendio che lo distrusse il 13 luglio del 1920.

  • Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor depongono una corona di fiori presso la lastra di ferro che copre l’ingresso della foiba di Basovizza
    Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor depongono una corona di fiori presso la lastra di ferro che copre l’ingresso della foiba di Basovizza
  • Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor depongono una corona di fiori presso la lastra di ferro che copre l’ingresso della foiba di Basovizza
    Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor depongono una corona di fiori presso la lastra di ferro che copre l’ingresso della foiba di Basovizza
1 / 2
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor depongono una corona di fiori presso la lastra di ferro che copre l’ingresso della foiba di Basovizza

Correlati:

Vandali senza colore: sfregi a lapide vittime delle foibe e svastica sulla casa di una deportata
Giorno del ricordo delle Foibe: commemorazione solenne a Bosovizza
Boss al 41 bis scrive a Mattarella: Chiedo la grazia di essere fucilato
Tags:
Slovenia, Sergio Mattarella
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook