20:07 13 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
5318
Seguici su

Il Ponte di Messina potrebbe essere parte dell’elenco delle circa 50 opere pubbliche infrastrutturali su cui l’attuale Governo giallorosso punta per il rilancio dell’Italia.

Il ministro di Pari Opportunità e Famiglia, Elena Bonetti, interviene sul Ponte di Messina, tornato con forza nel dibattito politico degli ultimi giorni dopo, dopo l'apertura della titolare del Mit, Paola De Micheli, che ha annunciato uno studio sulla fattibilità nei prossimi mesi. 

"Il ponte è un'opera che serve", scrive la ministra in un post di Facebook, che la ritrae con il trolley in mano, mentre entra sul traghetto per attraversare lo Stretto di Messina. 

Ripartire dal Ponte

"Dobbiamo investire nelle infrastrutture - prosegue la Bonetti - nella potenzialità straordinaria e nella bellezza di questa terra. Il Sud lo merita, merita tutto il nostro impegno e le energie necessarie".

Per rilanciare il Mezzogiorno serve "un piano shock per ripartire e far correre il futuro".

La Bonetti si è recata a Palermo dove sabato ha incontrato esponenti di Italia viva e della società civile. Durante il forum a Italpress, nel capoluogo siciliano, la ministra ha sottolineato l'importanza di infrastrutture come un ponte tra Messina e Reggio Calabria, per garantire la continuità territoriale e includere la Sicilia nei corridoi europei. 

Il ponte "non è un tabù. Dobbiamo farci costruttori di ponti e non di muri", ha dichiarato. 

Il governo giallorosso ha messo in cantiere un nuovo studio di fattibilità per delle opere che potrebbero costituire una premessa per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina. Nei giorni scorsi, il premier Conte ha illustrato un documento importante chiamato “Italia veloce”,  un piano delle infrastrutture dei trasporti per un’Italia ad alta velocità, a partire dal quale si porrebbe poi la necessità di collegare la rete italiana a quella regionale attraverso un collegamento stabile. 

Tags:
ministro, Famiglia, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook