19:39 13 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Le misure di sicurezza anti-Covid diminuiscono il numero di persone che riescono ad arrivare alle isole Tremiti. Il sindaco ha deciso di scrivere al Presidente del Consiglio per richiedere di potenziare l'offerta di trasporti.

Dimezzati i posti sui traghetti che da Termoli (Campobasso) raggiungono le Isole Tremiti (Foggia) a causa dell’emergenza sanitaria. La situazione del turismo nelle isole Tremiti, principale fonte economica, ha portato il primo cittadino tremitese a scrivere al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

"La stagione estiva dura poche settimane, mentre non sappiamo quanto durerà il post Covid. Se non ci fate lavorare adesso, temiamo per il nostro futuro. Con le norme sul distanziamento sociale, le navi possono trasportare solo il 50% dei passeggeri previsti e nel fine settimana, quando aumenta la richiesta, molti turisti restano a terra. Altri, nell’incertezza, non partono proprio" dichiara il sindaco delle isole Tremiti Antonio Fentini, il quale richiede al governo un potenziamento dei trasporti per permettere a più turisti di arrivare nelle isole.

"Il prefetto, la Regione Puglia e il ministero da anni sono a conoscenza della questione, ricevono mie lettere in continuazione. Quest’anno ho scritto anche al presidente Conte. Purtroppo sono ancora in molti a dare la colpa al sindaco, pensando che io possa agire in autonomia. Ma non è così. Anche un solo turista in meno sulle isole, significa meno lavoro per tutti" conclude il sindaco.

La mancanza di turismo straniero costerà al Paese 12 miliardi

Un'analisi della Coldiretti sugli effetti del blocco sostanziale degli arrivi dai paesi extracomunitari, basata sui dati Bankitalia, stima che un'estate senza stranieri in vacanza in Italia costa 12 miliardi al sistema turistico nazionale per le mancate spese nell’alloggio, nell’alimentazione, nei trasporti, divertimenti, shopping e souvenir.

"Lo scorso anno in Italia ci sono stati oltre 16 milioni di cittadini stranieri per motivi di vacanza durante i mesi di luglio, agosto e settembre che quest’anno rischiano di essere praticamente azzerati dalle preoccupazioni e dai vincoli. Si tratta di un vuoto pesante che non viene purtroppo compensato dalla svolta patriottica degli italiani che per il 93% ha scelto di trascorrere le vacanze in Italia." si legge nel rapporto di Coldiretti.

​L’associazione ASTOI Confindustria Viaggi, in rappresentanza del comparto del tour operating, ha lanciato l'allarme al governo e al MIBACT richiedendo aiuti per riuscire a salvare uno dei settori più colpiti dalla pandemia. Secondo i dati registrati nel mese di giugno da Federalberghi e Coldiretti, il calo nelle presenze di turisti in Italia è sceso dell'80%, con 10 milioni di turisti in meno che hanno deciso di visitare il Paese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook