23:10 24 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
4010
Seguici su

L'ex terrorista ha presentato reclamo sul tipo di alimentazione che ricevono i detenuti della prigione. Le reazioni della politica non si sono fatte attendere.

"Il cibo non è adeguato al suo stato di salute", questo è il reclamo che l'ergastolano ex Pac Cesare Battisti, detenuto nella prigione oristanese di Massama, ha presentato ieri davanti al Tribunale di Sorveglianza di Cagliari. Ora è compito dei giudici decidere se sia opportuno effettuare analisi mediche che verifichino lo stato di salute dell'ex terrorista, che sarebbe peggiorato proprio a causa del cibo fornito nell'istituto di pena. 

"Il cibo influenza il nostro stato di salute che è un principio costituzionalmente garantito. Il mio assistito si trova in stato di isolamento e può mangiare solo cibo somministrato dall'amministrazione, mentre gli altri detenuti possono cucinare il cibo portato dai parenti o acquistato. Abbiamo sollecitato anche analisi ed esami per accertare il suo stato di salute, mentre il procuratore generale ha chiesto il rigetto del reclamo" ha spiegato l'avvocato di Battisti Gianfranco Sollai.

La reazione dei politici

In risposta al reclamo di Battisti si sono espressi numerosi rappresentanti politici. Primo fra tutti il leader della Lega Matteo Salvini che su Twitter ha commentato la vicenda dicendo "Assassino comunista si lamenta del menù in carcere? Taci e digiuna, vigliacco".

Oltre a Salvini anche la leader di FdI Giorgia Meloni ha ironicamente espresso il suo parere riguardo il caso di Battisti, attraverso un post Facebook:

  • "Abituato al caviale mangiato in questi anni insieme alle anime belle della sinistra, Cesare Battisti ora si lamenta della qualità del cibo del carcere. E' la dura vita degli assassini che pagano per i loro crimini, Cesare. Confido che nessuno perda tempo ad assecondare le ridicole lamentele di questo personaggio" ha scritto Meloni.
  • "Evidentemente, dopo essere sfuggito alla giustizia per anni, pensava di poter scontare l'ergastolo in un hotel a 5 stelle" ha sentenziato il rappresentante dei dem Stefano Pedica.

Il commento di Torregiani: "È ancora un privilegiato, è questa l'assurdità"

Insieme alle parole dei politici si esprime anche Alberto Torregiani, figlio adottivo di Pierluigi vittima del Pac nel '79 e membro dell'Associazione italiana vittime del terrorismo:

"La cosa assurda è che gli venga ancora data la possibilità di esprimere certe richieste e che qualcuno gli dia spazio. È ancora un privilegiato è questa l'assurdità. Se un detenuto comune si lamenta, nessuno lo ascolta, si lamenta lui e fa notizia. Io sono garantista sempre e sono per la tutela dei diritti di tutti, ma qui stiamo davvero esagerando. Credo che non meriti attenzione" afferma Torregiani.

Cesare Battisti si trova nel carcere di Massama dal 14 gennaio 2019: sconta due ergastoli per quattro omicidi. Il detenuto era già comparso davanti ai giudici di sorveglianza a metà maggio richiedendo la detenzione domiciliare per paura di contrarre il Covid, ma il tribunale aveva respinto la sua richiesta. 

Tags:
PD, Matteo Salvini, Cesare Battisti, Giorgia Meloni
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook