02:25 23 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
232
Seguici su

In seguito alla nuova proroga del passaggio al libero mercato al gennaio 2022, l'Antitrust ha inviato una segnalazione al Parlamento per chiedere che la fine del mercato tutelato dal Servizio Elettrico Nazionale non sia più rinviata.

La difficoltà di lettura e comprensione della bolletta elettrica potrebbe compromettere il requisito della trasparenza e quindi la verificabilità delle fatture, da parte degli utenti del servizio. Lo ha detto il capo gabinetto dell'Antitrust, Enrico Quaranta, durante un'audizione della commissione Industria al Senato. 

La complessità e l'articolazione delle fatture emesse dalle compagnie energetiche sono tali "da compromettere significativamente la trasparenza e la comprensibilità delle fatture per l'utenza", ha specificato Quaranta, che anche ricordato come "l'aumento dell'incidenza degli oneri di sistema sulla spesa complessiva ha, in quest'ottica, un impatto rilevante sul processo di liberalizzazione del mercato della vendita al dettaglio di energia elettrica" in quanto inciderebbe negativamente sulla comprensione e quindi sulla scelta delle offerte ai clienti. 

Oltre a questi fattori le "dinamiche competitive" nel mercato energetico risultano "fiaccate" dalla limitata possibilità delle compagnie di competere sul prezzo in maniera significativa, in quanto l'effetto della concorrenza agisce solo una componente ridotta del costo totale del consumo.

Proroga del termine del mercato tutelato

In seguito al nuovo rinvio del termine del mercato tutelato di gas e energia elettrica, spostato dal primo luglio 2020 al primo gennaio 2022 dal decreto Milleproroghe, l'Antitrust ha inviato una segnalazione a Camera e Senato per evidenziare i "gravi rischi per la concorrenza derivanti dall'ulteriore rinvio del termine di abrogazione della regolamentazione tariffaria nei mercati della vendita al dettaglio dei servizi di energia elettrica e gas".

L’Autorità, in particolare, ha invitato a sfruttare al meglio l’ulteriore differimento del termine, previsto per la cessazione del regime di maggior tutela,  per definire le misure necessarie a governare la transizione, per fornire ai consumatori una più ampia e diffusa informazione. 

Inoltre deve essere assicurata la libera concorrenza fra gli operatori all'interno del mercato garantendo certezza e parità di accesso.

Tags:
antitrust, energia elettrica, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook